Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Gadara
:: Gadara - At Number 4 - (Autoprodotto - 2015)
L’underground rock italiano (inteso nel senso più ampio) è talmente ricco di band che, a volte, anche realtà con una discreta storia alle spalle posso sfuggire a chi come me da anni vive nel sottobosco musicale. I Gadara sono un caso emblematico, formatisi nel 1996 come cover band di Timoria, Karma Litfiba, pian piano hanno sviluppato un proprio sound, arrivando a comporre tre album. Ma non solo, il gruppo ha alle spalle svariati concerti e alcune apparizioni in show televisivi rinomati. Ma tant’è che al quarto tentativo, dall’emblematico titolo At Number 4, anche io ho avuto il piacere di fare la loro conoscenza. Il primo contato è stato visivo, bella la copertina e discreto il digipak, soprattutto se si tiene conto che siamo di fronte a un’autoproduzione. Per quanto concerne i contenuti musicale, superata l’intro, tocca alla titlte track, che introduce al cospetto di sonorità che mi hanno riportato alla mente i Rush più zepelliniani degli esordi. Il perché è semplice, il timbro di Daniele Bertoli ricorda quello stridulo di Geddy Lee. Con la seconda “Cantastorie” iniziano i problemi, nonostante i Gadara abbiano inserito dei testi in inglese solo in questo lavoro, devo dire che i pezzi nel nostro idioma sono quelli che mi convincono meno. Vanno bene se si tratta di brani più tirati come “Nessuna Risposta”, vero e proprio inno heavy metal in stile Strana Officina, meno quando le atmosfere si fanno più rilassate. Con l’inglese tutto cambia, i brani acquistano maggiore spessore (nonostante gli evidenti limiti di pronuncia, ma gli Scorpions ci hanno costruito una carriera su questo limite…), si passa da atmosfere più vicine ai Free, ai classici riferimenti purpleiani e all’AOR dei Journey.Fossi in loro continuerei su questa strada, come dimostra la resa diversa di “Cantastorie” nella versione in inglese ed unplugged di “Storyteller”. Per il momento il voto che vedete a fondo articolo, pur se ampiamente positivo, risente di questa doppia anima. Aspettiamo il numero 5 per esprimere un giudizio definitivo.
Voto: 6.5/10
g.f.cassatella

Contact
www.gadara.it
<<< indietro


   
Grimgotts
"Lions of the Sea"
Detest
"The End of All Ends"
Vessel of Light
"Vessel of Light"
The Kinn-ocks
"The Kinn-ocks"
Black Hole
"Evil In The Dark"
Ancient Empire
"The Tower"
Destruction
"Thrash Anthems II"
Niamh
"Corax"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2017
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild