Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - GS Dichotomy
:: GS Dichotomy - Don’t Call Me A Mad - (Autoprodotto – 2011)
Demo davvero interessante e degno di nota (in particolar modo per gli amanti del Progressive Metal!), quello della band sarda GS Dichotomy. I “Genetically Structured Dichotomy” (“GS Dichotomy”) nascono nel 2009 da un’idea del chitarrista, compositore e arrangiatore Gianfranco Salvio. Nonostante sia di recente formazione, la band ha già ottenuto, in diverse rassegne musicali, svariati e importanti successi, tra i quali, classificandosi primi all’”Onda Tour’’ (2010) e all’”Olbia Rock” (2010). “Don’t call me a mad” può essere considerato come un concept costituito da 5 brani più una bonus track. I testi, infatti, riconducono sempre ad un “matto” (un individuo considerato folle da una società che non riesce a cogliere e comprendere i suoi stati emotivi, le sue riflessioni sulla condizione umana, il suo desiderio di riscossa). I primi due brani del demo (“Words in the wind” e “Ghosts of the night”), con i loro riff veloci e tecnici, ricordano, per alcuni versi, i primi Dream Theater. Con “Don’t call me a mad”, title track del demo, i GS Dichotomy dimostrano maggiore personalità per quanto concerne la fase compositiva. Voce ora dura e graffiante, ora limpida e acuta, cori, soliste tecniche delle chitarre e delle tastiere, cambi di tempo e di sound che bene si alternano lungo un continuum prog/metal. Le tracce “Rise” e “Little man” sembrano riflettere ed accrescere l’atmosfera e la “dicotomia sonora” (sound melodico/sound aggressivo) che si respira nel brano “Don’t call me a mad”. Chiude il demo, la bonus track, eseguita quasi interamente solo con voce e pianoforte, “Il mare si chiede di me”. Intensa, malinconica, aulica e commovente “litania” scritta interamente in italiano dallo scrittore algherese Massimiliano Fois con il quale la band sta collaborando nella cura degli arrangiamenti de “L’acqua di Mezzanotte”, opera rock scritta a quattro mani da Gianfranco Salvio e dallo stesso Fois. Ma questa, è un’altra storia.
Voto: 7/10
Lugi Filazzola

Contact
www.myspace.com/gsdichotomy
<<< indietro


   
Venom Inc.
"Avé"
Raging Fate
"Gods of Terror"
Grimgotts
"Lions of the Sea"
Detest
"The End of All Ends"
Vessel of Light
"Vessel of Light"
The Kinn-ocks
"The Kinn-ocks"
Black Hole
"Evil In The Dark"
Ancient Empire
"The Tower"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2017
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild