Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Frozen Sand
:: Frozen Sand - Fractals: A Shadow Out of Lights - (Autoprodotto - 2017)
Frozen Sand nasce nell’inverno del 2010 come progetto sperimentale di cinque giovani “narratori”, provenienti da esperienze e background diversi, ma con la profonda passione per la musica in comune – è un sogno generato da un’entità musicale e dalla collisione tra l’arte della narrazione e il grande potere uditivo della musica progressive metal! Tutto è cominciato in una piccola città di provincia, situata ai piedi delle Alpi, dove i laghi rispecchiano le forme di borghi storici… così, dopo sei anni di esperienza musicale, tre EP e più di 60 concerti alle spalle, la band pubblica il suo primo disco. La storia narrata è una saga complessa, si tratta di una scintilla scaturita da un sogno, un viaggio infinito attraverso l’abisso della fantasia umana... un grande progetto la cui musica è senza spazio e le storie sono senza tempo. “A Melody Through Time and Space” è il brano d’apertura, uno strumentale (è il piano a padroneggiare) che apre con un pizzico di malinconia il disco… “Perfect Inspiration” è il brano successivo, episodio Prog Metal dove la voce di Luca Pettinaroli mi ha ricordato (e non solo qui) l’ex Secret Sphere, Roberto Messina (anche il sound dei Frozen Sands spesso insegue quello dei Secret Sphere). Buone sia le chitarre sia la sezione ritmica, niente male poi il bilanciamento sul piano tecnico/esecutivo. “Sail Towards the Unknown” è un brano atipico che strizza l’occhio all’alternative metal, con parte del cantato in spagnolo! I pezzi successivi, “Yell of Hesitation” e “Rules this World”, iniziano con parti cantate in growl, e anche qui il lato progressive si mescola con quello alternative – il risultato è piacevole! Un disco davvero carino, che anche se non aggiunge molto alla scena Prog Rock/Metal italiana si fa ascoltare ed ascoltare… Prima prova superata! Aspettiamo un’evoluzione e un sound più personale e ricercato, ma siamo sulla buona strada – a presto ragazzi!
Voto: 7/10
Giovanni Clemente

Contact
www.facebook.com/FrozenSandband
<<< indietro


   
Rainbow Bridge
"Dirty Sunday"
The C. Zek Band
"Set You Free"
Buzzøøko
"Giza"
Carnera
"La Notte Della Repubblica"
The Doomsday Kingdom
"The Doomsday Kingdom"
Northway
"Small Things, True Love"
Kill Your Karma
"What Hides Behind The Sun"
L’Ira Del Baccano
"Paradox Hourglass"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild