Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Freedom Call
:: Freedom Call - Ages of Light - (Spv/Steamhammer - 2013)
Era l’anno 2001, e mosso dalla curiosità comprai “Crystal Empire” dei Freedom Call, per la partecipazione del batterista Dan Zimmermann dei Gamma Ray. Quando l’ascoltai, mi resi conto che il sound (per me) era troppo “mieloso e gaio”… e finì subito a prender polvere nello scaffale dei miei cd. Oggi rieccoli con questa ‘raccolta’, che parte subito con “Rockin Radio (Killerbilly Version)”, una versione molto rockabilly… diciamo che come intro potrebbe anche starci, ma subito con la successiva (“We Are One”) il Power Metal “gioioso” della band prende il sopravvento; passiamo alla terza traccia, “Metal Invasion (Metal Folk Version)”… a parte il titolo, di metal non c’è niente, qui c’è solo folk (e di canzoni folk/metal in giro ce ne sono e di più belle). Con “Tears Falling” e “Freedom Call” si ritorna alle sonorità power, ma è con la successiva traccia, “Mr. Evil (Melodic Reggae Version)”, che la band mi meraviglia (in malo modo). Come già suggerisce il ‘sottotitolo’, la canzone Mr. Evil è trasformata in una canzone Reggae (sì, proprio così)! Poi qua e là abbiamo “Hero on Video” in versione Ska, “Age of the Phoenix” in versione Swing ed ancora “Freedom Call” in una versione Camp Fire Strumming (???), qualche versione live (di “Metal Invasion” e “A Perfect Day”) che si alternano ai “classici” della band. In conclusione, “Ages of Light” è una raccolta creata per ‘festeggiare’ i quindici anni di attività della band! Per me, questo disco può essere acquistato solo dai fans più accaniti della band; lo ammetto, provare a modificare le proprie canzoni con un genere totalmente diverso (reggae, ska, rockabilly, swing) è pur sempre un’idea, ma un po’ troppo pretenziosa e diciamolo, non sempre queste modifiche sono ben accette (sia dai fans che dalla critica). Personalmente avrei preferito trovare queste versioni in un cd-bonus (in omaggio) allegato ad un album, invece di far spendere soldi ai propri fans. Per me nessuna sufficienza, anzi… bocciato!
Voto: 4/10
Giovanni Clemente

Contact:
www.freedom-call.net
:: Freedom Call - Legend Of The Shadowking - (SPV/Steamhammer – 2010)
Tra le varie lezioni che ho imparato in tanti anni di metallo, una è quella che i semi di zucca sono difficili da togliere. Probabilmente una massaia potrebbe dirvi cento e uno modi per far sparire questi semini, ma sono certo che neanche lei saprebbe come risolvere l’annoso dilemma nel modo parallelo del metal. Chiunque sia venuto a contatto (direttamente o indirettamente) con le zucche di Amburgo ha il proprio soongbook inevitabilmente contaminato. Questo vale per i fan, per gli ex membri degli Helloween e per chi ha frequentato questi ultimi. Non sfuggono a questa regola i Freedom Call della coppia Bay-Zimmermann. Giunti al sesto album, novità all’orizzonte non ce ne sono. Solita musica, solita doppia cassa a go go, solito feeling “happy”. Interessante è il concept incentrato sulla figura di Ludwig II di Baviera, personaggio controverso che ci ha lasciato in eredità due splendidi castelli e il mistero della propria morte. Nonostante il tema oscuro e, perché no, romantico, il gruppo sciorina il solito sound melodico ricco di arrangiamenti orchestrali dal sapore epico che a mio parere poco si sposa on le tematiche trattate. Come direbbe il più scafato dei recensori “se vi sono piaciuti i capitoli precedenti, vi piacerà anche questo. Altrimenti…”. Sono stato poco originale? Probabile, ma se lo sono loro… perché non posso esserlo anche io?
Voto: 6/10
g.f.cassatella

Contact
www.freedom-call.net
www.myspace.com/callforfreedom
www.spv.de
:: Freedom Call - Live Invasion - (Steamhammer/Audioglobe - 2004)
È un live? Ma chi credono di prendere in giro questi FREEDOM CALL...
D’accordo, saranno una gran bella band, ma il live dov’è? Mah... Questo doppio CD è così asettico e pulito che la denominazione “live” mi pare una gran bella presa per i fondelli... Per caso i tizi dei FREEDOM CALL hanno sentito mai parlare di ‘Unleashed in the East’ dei Judas Priest oppure ‘Live Innocence’ dei Saxon od ancora di ‘Live after Death’ degli Iron Maiden?
Prima vadano a rileggersi questi veri live e poi si prega di ritornare con un live degno di questo nome... Cosa si fa per estorcere qualche euro al metallaro medio e coglione di turno!!!

EMANUELE GENTILE
<<< indietro


   
Ancient Empire
"The Tower"
Destruction
"Thrash Anthems II"
Niamh
"Corax"
Death2Pigs
"eMpTyV"
The German Panzer
"Fatal Command"
Appice
"Sinister"
AA.VV.
"Live At Wacken 2015: 26 Years Louder Than Hell"
Salmagündi
"Life O Braen"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild