Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Focus Indulgens
:: Focus Indulgens - Hic Sunt Leones - (Doomymood – 2011)
\"Gli unici generi del rock in cui l’Italia possa vantare una seria tradizione sono il progressive e il doom”. Così iniziavo la mia recensione di The Past, l’esordio dei Focus Indulgens. In modo quasi profetico citavo le due influenze che fanno di Hic Sunt Leones, secondo capitolo discografico del combo proveniente dalla Valdichiana, un album da avere a tutti i costi nella vostra collezione di dischi doom (in formato cd o vinile, quest’ultimo disponibile dal 2012). Già l’esordio da qualcuno fu definito un album di doom con sfumature prog, in quel frangente non me la sentii di avvalorare quella tesi. Secondo me all’epoca le influenze erano al più folk. A darmi ragione è HSL, cd in cui il prog e il doom si uniscono in modo perfetto. Attenzione, quando parlo di questi generi mi riferisco alla scuola italiana. I FI del 2011 sono la giusta fusione tra i primi Death SS e Le Orme. I riff pesanti del doom si sposano alla grande con le melodie vocali che ricordano non poco quelle degli autori di Collage. In alcuni casi, spunta fuori la PFM, soprattutto per le tastiere. La componente doom ha perso le caratteristiche ottantiane dell’esordio, oggi siamo più vicini al proto-doom dei Pentagram. L’ultimo cambiamento concerne la lingua: l’inglese abbandonato a favore dell’italiano. Scelta azzeccata, perché i testi nella nostra lingua si rivelano evocativi, misteriosi e arcani. La mutazione avvenuta tra i due album ha avvicinato la proposta dei FI a quella de L’Impero Delle Ombre. Non male direi. Curatissimo anche l’artwork, impreziosito dalle stupende immagini firmate da Carlo Castellani. Un album che evidenzia una crescita importante della band, oggi tra le più importanti realtà della scena italiana!
Voto: 8/10
g.f.cassatella

Contact
www.myspace.com/focusindulgens
www.myspace.com/doomymood
:: Focus Indulgens - The Past - (DoomyMood – 2010)
Gli unici generi del rock in cui l’Italia possa vantare una seria tradizione sono il progressive e il doom. In entrambi i casi abbiamo maturato uno stile personale che non si limita a scimmiottare quello delle band provenienti dall’estero. Questo perché entrambi i generi permettono di sfruttare al meglio il nostro background culturale. Sulla mi scrivania è giunto un altro progetto degno di nota che va ad arricchire il panorama doom nostrano. La band è composta da due soli membri (Master - Vocals, Bass, Keyboards e Asmodeo - Drums, Backing Vocals) e risponde al nome di Focus Indulgens. The Past segna un duplice debutto discografico, infatti oltre alla band arriva alla pubblicazione della propria opera prima anche l’etichetta DoomyMood. Ma entriamo nel merito dei contenuti musicali, che sia doom l’ho già detto, per quanto concerne le influenze dirotterei su Candlemass, The Gate Of Slumber e certo us metal alla Manilla Road. Il risultato è qualcosa di simile a quanto proposto nel primo lavoro dei Doomsword. Questa base di doom epico viene arrichita con inserti folk (altrove ho letto prog, ma io non sono d’accordo), soprattutto per la presenza del flauto di Ingrid Sjöström. I 5 pezzi (più la cover di “Voodoo Child con tanto di tributo ai Black Sabbath nel finale)”, composti tutti da Carlo Master Castellani, sono di media lunghezza, si reggono sui riff suonati da Federico Rocchi e, a mio viso, non risultano sempre convincenti a livello vocale. Il gruppo dovrebbe lavorare maggiormente su questo aspetto. Per il resto non posso che complimentarmi con la band, anche per la scelta dell’ottima copertina raffigurante un dipinto di Mathis Gothart-Nithart aka \"Grünewald\".
Voto: 7/10
g.f.cassatella

Contact
www.myspace.com/focusindulgens
www.myspace.com/doomymood
<<< indietro


   
Disequazione
"Progressiva Desolazione Urbana"
Labyrinth
"Architecture Of A God"
Uneven Structure
"La Partition"
Full Leather Jackets
"Forgiveness: Sold Out"
The Sade
"Grave"
The Charm The Fury
"The Sick, Dumb and Happy"
Zora
"Scream Your Hate"
LoboLoto
"Even The Stones Fall"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild