Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Filth In My Garage
:: Filth In My Garage - 12.21.12 - (Memorial Records - 2012)
Si può parlare di decostruzionismo in musica? Certo che sì, scomodando i pionieri della dodecafonia e soprattutto i loro più solerti accoliti. Nel caso dei Filth In My Garage, l’intento decostruzionista non ha pretesa di movimento, ma di certo raggiunge un primo, importante risultato: l’abbattimento della famigerata “forma canzone”. Questo è il processo che guida le tre tracce presenti nell’EP della band, emblematicamente chiamate “Future”, “Past”, “Present”, nel loro alternare momenti riflessivi e bordate di tagliente violenza sonora. I titoli dei brani sono quasi un corollario poiché la suite di “12.21.12” è unica, senza soluzione di continuità; inoltre, con il suo titolo a metà tra l’intimista e l’apocalittico, l’EP costituisce il debutto sul mercato dell’etichetta Memorial Records… se queste sono le prime avvisaglie, ben venga!
Chitarre minimali, a metà tra power chords ribassati e armonie post rock, sostengono le linee vocali sofferenti di Stefano che a tratti ricordano quelle del miglior Roger Miret. Se il paragone con un gigante del classico hardcore può apparire azzardato in ambito di una proposta musicale prettamente “post”, va qui inoltre sottolineato come i Filth In My Garage riescano a mescolare il suono rozzo e industriale del post core con influenze decisamente progressive rappresentate da un uso quasi cesellato delle parti acustiche, nonché dall’attento calibro delle distorsioni nelle fasi più “riflessive”. Stiamo parlando in particolare di “Future”, con i suoi oltre 10 minuti di durata, sebbene il picco del pessimismo testuale si raggiunga nella conclusiva “Present”, in cui la costante e pervasiva metafora della tela del ragno sembra assumere caratteristiche irreversibili. Dischetto consigliatissimo agli amanti di sonorità oppressive orchestrate con qualità ed eseguite altrettanto bene; astenersi deboli di cuore e fedelissimi del “catchy”!
Voto: 7,5/10
Francesco Faniello

Contact:
www.facebook.com/filthinmygarage
<<< indietro


   
Rainbow Bridge
"Dirty Sunday"
The C. Zek Band
"Set You Free"
Buzzøøko
"Giza"
Carnera
"La Notte Della Repubblica"
The Doomsday Kingdom
"The Doomsday Kingdom"
Northway
"Small Things, True Love"
Kill Your Karma
"What Hides Behind The Sun"
L’Ira Del Baccano
"Paradox Hourglass"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild