Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Fferyllt
:: Fferyllt - Dance of Druids - (Stygian Crypt Productions -2009)
Sedersi a tavolino e creare un album Metal con contaminazioni Folk è un’impresa che a pochi riesce nel vero senso della parola.
Dalla lontana Russia arriva una nuova concezione di intendere la musica folk metal dato che ultimamente e’ nata questa nuova moda in ambito musicale che riunisce in se l’amore per quelle terre così lontane con un uso intenso della componente folk ma allo stesso tempo rabbiosa e cadenzata per non scontentare mai la “vecchia guardia” del metal.
L’esperimento è chiaramente riuscito e la band nota con il misterioso nome di FFERYLLT è riuscita a colpire il nostro orecchio con una melodia armoniosa che tanto si lega alla tradizione pagana con la presentazione dell’album Dance of Druids.
Il nome già ci può riportare indietro nei secoli facendoci entrare in un mondo ancestrale e ormai dimenticato presentandoci la crudezza della società di quei tempi. Sembra quasi che la musica di “Dance of Druids” voglia parlarci,con quei suoi strumenti ormai relegati negli angoli più remoti della storia inserendoci vorticosamente nelle danze dei villaggi e nelle oscure foreste del Centro Nord Europa.
Tornando ai giorni nostri ora il problema principale che si propone però è dosare le due componenti musicali creando un sistema unico di suoni che possa colpire l’ascoltatore senza turbargli l’ascolto.
Molte band si sono cimentate nell’impresa dando il loro contributo sul panorama mondiale della musica folk ma è davvero la prima volta ed è grazie ai FFERYLLT che si nota tanta leggerezza nei suoni e allo stesso tempo tanta rabbiosa melodia nell’accompagnamento.
I FFERYLLT sono appunto l’esempio che vogliamo proporre oggi,finalmente una musica folk metal che davvero si lega alla tradizione e che non si lascia trasportare dalla commercializzazione e dalle mode passeggere le quali vanno solo a rovinare il messaggio musicale che la band in questione vuole proporre.
Presentiamo qui di seguito i componenti della band:
Yanina Zelenskaya e Rustam Borzov alla voce
Andrei Avdik e Alexey Godlevsky alle chitarre
Alexandr Lebedev al basso
Dmitry Eliseev alla tastiera e fondatore del progetto nato nel 2003
Con la partecipazione di altri musicisti che hanno contribuito a rendere unico il lavoro
Vladimir Cherepovsky,Simon Muller,Diana Timoschenko,Sonja Tavormina,Pablo Allen
L’album presenta 11 tracce tra cui due cover rispettivamente degli enfiserium (LAI LAI HEI) e degli eluveitie (INIS MONA) .
Album registrato come lavoro autoprodotto negli studios FIRE-LIGHT.
Creazione del Cd ad opera del designer Diana Lebedeva (www.moongarden.ru)
Voto: 8/10
Fabio Biscotti

Contact
www.fferyllt.net
:: Fferyllt - The Prediction - (Stygian Crypt Productions - 2012)
La storia di questa band dal nome misterioso inizia nel 2003 da un’idea del tastierista Dmitry Eliseev di scrivere un ‘concept’ di devozione alla sua religione nativa, il Western European Paganism! Le loro canzoni narrano del paganesimo e di druidi… e per i più curiosi, la copertina (molto favolistica) è opera di Jan Yrlund, disegnatore finlandese che ha disegnato copertine per Korpiklaani, TyR, Manowar, etc… Tornando al sound, la band russa arricchisce l’album con violini, viole, Irish flute, arpe e tanti altri strumenti tradizionali, oltre a voci ‘da opera’. Nel 2009 avevano pubblicato (sempre per la Stygian Crypt Productions) il primo full-length “Dance of Druids” e solo nel 2012 riescono a completare “The Prediction”, dopo qualche cambio nella line-up. Sottile la quantità di black metal che si alterna con i suoni orchestrali e tradizionali, e va precisato come le tastiere siano onnipresenti; le canzoni scorrono con tranquillità, evitando di annoiare l’ascoltatore, risultando anche piacevoli in più occasioni. Sicuramente non è un disco immediato (né per tutti), ma si farà apprezzare dagli amanti di queste sonorità; il disco (per me) supera la sufficienza… complimenti!
Voto: 7/10
Giovanni Clemente

Contact:
www.fferyllt.net
<<< indietro


   
Rainbow Bridge
"Dirty Sunday"
The C. Zek Band
"Set You Free"
Buzzøøko
"Giza"
Carnera
"La Notte Della Repubblica"
The Doomsday Kingdom
"The Doomsday Kingdom"
Northway
"Small Things, True Love"
Kill Your Karma
"What Hides Behind The Sun"
L’Ira Del Baccano
"Paradox Hourglass"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild