Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Fatal Destiny
:: Fatal Destiny - Palindromia - (Andromeda Relix - 2016)
Mentre il mondo del metal, almeno quello che ama il prog, è diviso tra chi ritiene The Astonishing l’album del ritorno dei Dream Theater ad alti livelli e chi invece lo considera l’ennesimo segnale di decadenza, da Bel Paese giunge un lavoro che, pur non producendo lo stesso clamore, dimostra che anche in Italia torna a muoversi qualcosa. Da tre/quattro anni ho maturato un certo scetticismo sulla scena nostrana, però oggi qualche segnale positivo arriva. Settimane fa ho esultato per il cd degli Aleph in campo estremo, oggi mi ritrovo a tessere le lodi dei Fatal Destiny e del loro Palindromia. Accattivante sin dalla copertina, via di mezzo tra Running Wild e Savatage, disegnata da Felipe Machado Franco (uno che presta la propria matita a parecchie compagini power tedesche titolate), con le sue otto tracce il disco disegna un percorso che pone sì la band a stretto contato con Petrucci e compagni, ma che dimostra come la lezione sia stata metabolizzata e superata. Come? Nulla di particolare, la ricetta è semplice (i brani non sono mai eccessivamente lunghi), quindi il prog metal dei maestri americani viene ridotto ai minimi termini attraverso il power, e il processo di snellimento rende il tutto più piacevole ed assimilabile. Pur essendo dotati di un’ottima tecnica, i singoli dimostrano di tenere più al risultato complessivo che al proprio interesse. Certo le tastiere ricoprono un ruolo centrale, le capacità vocali di Andrea Zamboni rubano spesso la scena, ma il risultato è armonico ed avvincente. Non so se Palindromia possa rappresentare la scintilla che può rilanciare a livello internazionale la scena prog/power nostrana, un po’ come accadde per i Labyrinth di Return To Heaven Denied – band che in qualche modo ricorda i veneti per la capacità di mantenere il giusto equilibrio tra tecnica e orecchiabilità – perché alla fine non conta solo il valore intrinseco di un disco, ma anche tutta una serie di fattori esterni (oltre che una buona dose di fortuna). Però nel dubbio non posso esimermi dal consigliarvi l’acquisto di questo prodotto, il resto poi verrà da sé.
Voto: 7,5/10
g.f.cassatella

Contact
www.facebook.com/fataldestinyofficial
www.andromedarelix.com
<<< indietro


   
Buffalo Grillz
"Martin Burger King"
Monnalisa
"In Principio"
Overkhaos
"Beware Of Truth"
Antonio Giorgio
"Golden Metal - The Quest For The Inner Glory"
Avatarium
"Hurricanes And Halos"
Ecnephias
"The Sad Wonder of the Sun"
Antipathic
"Autonomous Mechanical Extermination"
Aurelio Follieri
"Overnight"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild