Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Fall Of The Idols
:: Fall Of The Idols - Fall Of The Idols - (I Hate - 2006)
Un doom grezzo avvolge il disco in questione in un oscuro mantello...molto raro trovare band che ancora esprimono le loro emozioni con il doom, stravolgendo le classiche line-up con tre chitarre, voce, basso e batteria. La partenza affidata a “Sown Are The Seeds of Doom” è un efficace mezzo di divulgazione del genere: voce alla Bobby Liebling e riff cadenzati. Varie le partiture che seguono, alternate da episodi interessanti come ”Agonies be Thy Children” con atmosfere strazianti o martellanti e soffocanti reprise come in “Keep Wandering The Night”. La produzione è nella media e i testi con cui si scontrano sono molto introspettivi e cupi (classico del genere) ma, si esaltano per la loro complessità. Interessante band scandinava.

Stefano De Vito

Contact
www.falloftheidols.com
:: Fall Of The Idols - The Seance - (I Hate – 2008)
Verrebbe da chiedersi come mai i Finlandesi siano così bravi nel fare musica doom. Così dalla terra che ha dato i natali ai grandi, e compianti, Reverend Bizzarre, ecco arrivare i Fall Of The Idols. Doom pesante, ossianico, oscuro e opprimente. Come quello dei RB, verrebbe da pensare. E sarebbe un giusto pensare. Se il vostro cuore è ancora in pena per la prematura dipartita del Reverendo Bizzarro, questi FOTI sono più che un ottima medicina. Con un Ep omonimo autoprodotto nel 2004, arrivano all’esordio grazie alla I Hate, sempre attenta a individuare nuovi talenti in campo doom. Le sette canzoni contenute in questo The Seance sono un puro concentrato di riff sabbathiani dal retrogusto ipnotico. La lentezza la fa da padrona e la voce è trascinata e sofferente ma al contempo profonda e incisiva. L’iniziale “Nosophoros” mette subito le cose in chiaro. Questi ragazzi non sono degli sprovveduti, e lo dimostrano con le successive “The Conqueror Worm” e “Cathedral Of Doom”. La conclusione spetta a “An Age Come To Its End”, probabilmente il brano migliore del lotto. La band, poi, non fa mistero del proprio amore per i RB, anzi ha affidato la cura dell’artwork ad Albert Witchfinder, leader indiscusso della ormai disciolta band finlandese. Un disco da avere ad ogni costo per tutti i veri amanti del doom!
Voto: 8/10
g.f.cassatella

Contact
www.myspace.com/falloftheidols
www.ihate.se
www.myspace.com/ihate666
<<< indietro


   
Rainbow Bridge
"Dirty Sunday"
The C. Zek Band
"Set You Free"
Buzzøøko
"Giza"
Carnera
"La Notte Della Repubblica"
The Doomsday Kingdom
"The Doomsday Kingdom"
Northway
"Small Things, True Love"
Kill Your Karma
"What Hides Behind The Sun"
L’Ira Del Baccano
"Paradox Hourglass"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild