Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Equilibrium
:: Equilibrium - Rekreatur - (Nuclear Blast – 2010)
I teutonici Equilibrium giungono al terzo album della loro decennale carriera, e lo fanno nella maniera meno indolore possibile: con un avvicendamento al microfono, e l’ingresso del nuovo screamer Robert “Robse” Dahn. C’è da dire che un simile evento non ha scalfito minimamente la solida direzione musicale intrapresa dal gruppo in ambito extreme pagan-folk, complice sia una progressiva maturità compositiva, sia la tecnica e la potenza vocale dimostrata dal nuovo arrivato. Per il resto, la formula è ben rodata e rassicurante nella sua immobilità: tonanti linee vocali growl in tedesco, pompose tastiere e un tessuto armonico arioso e altisonante. Sulle tastiere mi sentirei di spendere una parola in più, data la coraggiosa sperimentazione nei suoni, che non si limitano al semplice tappeto sonoro ma adottano spesso timbriche esotiche e poco conformiste conferendo quella freschezza e varietà che spesso langue in lavori di questo genere. È il caso di brani come “Die Affeninsel”, che faranno storcere il naso ai puristi, ma che a mio parere raggiungono l’encomiabile risultato di dare respiro ad una proposta sonora che, per quanto ottima e ben prodotta, rischia di apparire terribilmente ridondante nell’esclusivo impiego di sonorità medievaleggianti ed epiche. Il resto dell’album scorre piacevole, a partire dall’apertura di “In Heiligen Hallen”, in cui sarete trascinati direttamente dinanzi alla visione di Minas Tirith prima della battaglia, per giungere alla strumentale in chiusura “Kurzes Epos”, in cui appare evidente come i nostrani Rhapsody abbiano fatto scuola anche in altri generi. “Der Ewige Seig” sciorina tecnica senza per questo essere poco fruibile, e c’è anche spazio per l’incedere minaccioso di “Verbrannte Erde”, per le dolci atmosfere di “Wasserman” (il pop del 2015?) e per gli inserti lirici di “Wenn Erdreich Bricht”. Insomma, questo genere lo si ama o lo si odia: se siete fans sfegatati degli Equilibrium, dormite pure sonni tranquilli. Se avete voglia di sperimentare, avete dinanzi un ottimo prodotto. Se infine per voi il metal è altro, passate tranquillamente oltre…
Voto: 7,5/10
Francesco Faniello

Contact:
www.equilibrium-metal.net
www.myspace.com/equilibriumistkrieg
<<< indietro


   
Le Jardin Des Bruits
"Assoluzione"
Fragore
"Asylum"
Dark Ages
"A Closer Look"
Ananda Mida
"Anodnatius"
Ars Divina
"Atto Primo"
Time Lurker
"Time Lurker"
Anno Senza Estate
"MMXVII"
Face Down Hero
"False Evidence Appearing Real"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild