Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Enemynside
:: Enemynside - Let the madness begin - (Temple of Noise rec. - Frontiers - 2003)
E\' mia opinione che il thrash metal sia uno dei generi più difficili sia da suonare, che da recensire, proprio a causa dei suoi stilemi sonori e stilistici abbastanza ripetitivi e standardizzati. Ma non è cosi che va letto il genere. Bisogna saper sempre leggere sopra le righe, anche se a volte e neanche poche, mi è capitato di ascoltare delle vere merdate, indegne dell\'appellativo \"thrash\". Non è il caso dei capitolini Enemynside, band dedita ad un buon, sano e caro trash metal molto legato alla vecchia scuola anni ottanta/primi novanta (PRIMI! Metallica, Slayer, Pantera, ecc.).
La band vanta quasi dieci anni di attività, in cui si sono avvicendate molte variazioni di line up(l\'unico membro originale della primigenia formazione è Francesco Cremisini, attuale cantante e chitarrista). Non sono mancate anche le soddisfazioni: hanno, infatti, avuto l\'onore della top demo su alcune buone riviste: infatti, dall\'agosto \'98, da quando entrarono nella top demo di Metal Shock, con il monicker Scapegoat e con il loro demo \"We Roam\", se ne sono viste delle belle.
Devo dire che il primo ascolto di \"Let the madness begin\" non mi ha entusiasmato eccessivamente. Si tratta di un classico e sano thrash, dai classici connotati quali: riff violenti, parti calme per smorzare, assoli ora veloci, ora più calmi e melodici, voce di ghiaia stratificata e ritmi tirati.
Ascoltandolo successivamente, ho notato parti che prima mi erano sfuggite, a causa di un ascolto poco attento. Che dire: è thrash puro, suonato da gente che lo sa suonare, questo si. Ma l\'originalità lascia un po\' a desiderare; infatti le dieci tracce risultano fin troppo omogenee ed un po\' monocorde nel loro complesso. Le melodie e i ritmi si ripetono frequentemente e questo (vuole essere una critica costruttiva) può rendere noioso l\'ascolto del cd.
Inoltre ho notato che il suono delle chitarre, in alcuni punti, non era proprio aggressivo.
Buona l\'impostazione vocale di Francesco Cremisini ed in generale di tutta la band.
Buono.

AN

Contact
enemynside@libero.it
www.enemynside.com
<<< indietro


   
Buzzøøko
"Giza"
Carnera
"La Notte Della Repubblica"
The Doomsday Kingdom
"The Doomsday Kingdom"
Northway
"Small Things, True Love"
Kill Your Karma
"What Hides Behind The Sun"
L’Ira Del Baccano
"Paradox Hourglass"
Night Demon
"Darkness Remains"
Au-Dessus
"End of Chapter"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild