Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Endless Coma
:: Endless Coma - Rising Rage - (Buil2Kill – 2011)
Debutto sulla lunga distanza per gli Endless Coma, giovane band padovana che propone un alternative metal dalle sfaccettature molto particolari. La band ripercorre le strade già tracciate da System of a Down e Coal Chamber nel quindicennio precedente, unendo al gusto per le melodie orientali inserti growl tipici del Nu Metal, il tutto condito da una discreta tecnica strumentale. Supportato da un’intensa e capillare attività live, “Rising Rage” contiene 14 tracce che portano all’estremo il concetto di crossover, attestandosi a tratti su soluzioni ardite che tuttavia lasciano emergere un indubbio gusto per la sperimentazione accanto alla consueta ricerca del groove. Insieme ad episodi canonici come “Mind Battle” e “Disease” sono riscontrabili interessanti aperture melodiche in “Golden Chains”, con uno stile vocale molto vicino a quello di Serj Tankian e un assolo di ottima fattura, “You’re my God”, dai toni decadenti e suggestivi, e “My Dear Satan”, il cui incedere si attesta sicuramente sopra la media delle restanti composizioni, mostrando già spiragli di maturità compositiva. Il contrasto tra voce pulita e growl appare sin troppo stridente in “I don’t have a name” e “No faith”, a scapito dell’effetto di impatto che dovrebbe essere d’obbligo nel genere proposto. E tuttavia è indiscussa la marcia in più fornita dal guitar work di Sal, che sciorina un bell’assolo anche in “Evil Man”, una traccia dalla strofa ben costruita su un intreccio tra il basso e gli arpeggi di chitarra, anche se con un ritornello un po’ acerbo. Di sicuro la band riesce meglio negli episodi più pacati, pur sfoderando una capacità di ricreare atmosfere plumbee e sabbathiane in “Mental Prison”, un brano che non avrebbe sfigurato con un arrangiamento marcatamente industrial nello stile dei Prong.
Si giunge così a “D.N.A.”, che ristabilisce l’equilibrio tra le multiformi espressioni vocali del singer Dark Priest, dotato in generale di un certo magnetismo vocale ma eccessivamente “presenzialista” nel corso delle tracce. Emerge perciò l’auspicio che la band, in vista di una futura evoluzione, indulga maggiormente sulle parti strumentali, a sicuro beneficio dell’originalità del proprio sound.
Voto: 6,5/10
Francesco Faniello

Contact:
www.myspace.com/endlesscomaband
<<< indietro


   
Disequazione
"Progressiva Desolazione Urbana"
Labyrinth
"Architecture Of A God"
Uneven Structure
"La Partition"
Full Leather Jackets
"Forgiveness: Sold Out"
The Sade
"Grave"
The Charm The Fury
"The Sick, Dumb and Happy"
Zora
"Scream Your Hate"
LoboLoto
"Even The Stones Fall"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild