Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Earthcry
:: Earthcry - Where the road leads - (Revalve Records - 2012)
Earthcry è un progetto nato per volontà di Enrico Sidoni, batterista che decide per l’occasione di occuparsi di tutto quello che riguarda la sua creatura scrivendo testi e musiche, dando vita a un concept album alla Arjen Lucassen (Ayreon, Star One, ecc.) dove a ogni personaggio presente nella storia corrisponde un cantante. Leggendo all’interno del booklet le voci coinvolte ho subito pensato che “Where the road leads” fosse un gran bel disco, sensazione poi confermatami dall’ascolto dell’album. All’interno del concept troviamo Roberto Tiranti, immenso talento italiano conosciuto ai più per la sua militanza nei Labyrinth, Diego Basile cantante dei Dgm, Damien Wilson (Threshold, Ayreon, Star one, ecc.), Oliver Hartman (At Vance, Avantasia), Zack Stevens (Savatage, Circle II Circle), Marco Sandron (Pathosray, Fairyland). Dal punto di vista strumentale, Sidoni si occupa di scrivere le musiche ma non suona tutti gli strumenti e chiama cosi a raccolta cinque musicisti che diano manforte al suo progetto: Simone Mularoni (Dgm), Diego Reali (ex Dgm) e Bruno di Giorgi alle chitarre, Leone Villani Conti (Trick or Treat) al basso e Tommaso Delfino alle tastiere.
Bene, detto questo la recensione potrebbe anche finire qui!!
Il lettore si sarà accorto del mostruoso potenziale vocale e strumentale contenuto in questo disco; il buon Enrico Sidoni lo sfrutta al massimo, regalandoci un album metal a metà tra soluzioni “progressive” (l’ottimo lavoro tastieristico di Tommaso Delfino in alcuni frangenti richiama i cari vecchi Dream Theater dei tempi d’oro) e arrangiamenti più orientati verso il power, il tutto mixato da Simone Mularoni che intelligentemente dà grande risalto alle chitarre in modo da rendere l’album potente e compatto, accorgimento che nella maggior parte delle produzioni appartenti all’inflazionato calderone del prog-power metal è assente.
All’interno dell’album non è presente un “pezzo forte”: il lavoro va ascoltato per intero e in più riprese per essere capito, nonostante si muova all’interno di coordinate stilistiche precise richiede comunque particolare attenzione, com’è giusto che sia trattandosi di un prodotto di qualità.
Voto: 8/10
Enrico Cazzola

Contact:
www.revalverecords.com/earthcry.html
<<< indietro


   
Le Jardin Des Bruits
"Assoluzione"
Fragore
"Asylum"
Dark Ages
"A Closer Look"
Ananda Mida
"Anodnatius"
Ars Divina
"Atto Primo"
Time Lurker
"Time Lurker"
Anno Senza Estate
"MMXVII"
Face Down Hero
"False Evidence Appearing Real"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild