Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Divine Eve
:: Divine Eve - Vengeful and Obstinate - (Ibex Moon Records – 2010)
Una volta, ai tempi del vecchio vinile ma anche del beneamato cd, c’era la “teoria delle copertine”. Molto semplice: con i passaggi radio di un certo genere ridotti all’osso, e senza la possibilità di ascoltare in streaming i brani (con MySpace ancora in mens dei), la copertina era il miglior biglietto da visita per una band, utile per identificare il genere a colpo d’occhio. I Divine Eve sembrano proprio rientrare perfettamente in questo schema, con l’artwork gigeriano e il logo del monicker che richiamano un solo nome: Cathedral.
C’è comunque da dire che “Vengeful and Obstinate” inizia in modo da non rendere affatto prevedibili le suggestioni doom che permeano il resto del lavoro, con una track come “Wispers of Fire” sparata ad alta velocità fino al break e alle armonizzazioni di chitarra, con un occhio all’hardcore e un altro al death di matrice svedese.
Storicamente non nuovi alle commistioni tra death e doom, i Divine Eve tornano dopo un periodo di silenzio durato quasi 15 anni con queste quattro tracce, probabili apripista per un full-lenght.
Lo spettro dei primissimi lavori della band di “Forest of Equilibrium” aleggia sulle restanti tracks del mini-cd del combo texano, a partire dalle atmosfere plumbee ricreate dalle chitarre ribassate, dai tempi claustrofobici di batteria, fino agli assoli che ricalcano, nel suono e nello stile, quelli di Gaz Jennings. A metà tra “The Ravages of Heathen Men” e “Grievous Ascendance”, i brani più fedeli al verbo del doom, fa inoltre la sua comparsa “Vindication”, un mid-tempo nello stile degli Unleashed.
In definitiva, un dischetto un po’ troppo discontinuo, che appare come una dichiarazione di intenti da parte della band piuttosto che un punto fermo da cui ripartire. Gli spunti non mancano, e la band è sicuramente migliorata rispetto agli esordi dal punto di vista tecnico e compositivo, ma ora deve semplicemente scegliere se tornare a premere il piede sull’acceleratore, o abbracciare definitivamente il lisergico verbo di Lee Dorrian e soci.
Voto: 7/10
Francesco Faniello

Contact:
www.myspace.com/divineeve2008
www.myspace.com/ibexmoonrecords
<<< indietro


   
Raging Fate
"Gods of Terror"
Grimgotts
"Lions of the Sea"
Detest
"The End of All Ends"
Vessel of Light
"Vessel of Light"
The Kinn-ocks
"The Kinn-ocks"
Black Hole
"Evil In The Dark"
Ancient Empire
"The Tower"
Destruction
"Thrash Anthems II"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2017
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild