Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Dhune
:: Dhune - Silence of Sound - (Revalve Records - 2012)
Secondo full length per la band piacentina Dhune, alfiera di un sound modern metal che prova a riscrivere le coordinate di incontro tra i classici barocchismi del metal più oscuro e l’immediatezza del groove. Dieci tracce su cui si staglia la voce limpida di Elisa Paganelli, che assume a tratti timbriche graffianti in alternanza con le linee vocali di Davide Belfiglio, chitarrista/cantante e tastierista della band. L’apertura affidata alla convincente track “Addicted” mette subito in chiaro la presenza di componenti sperimentali nel lavoro dei Dhune, e tuttavia la direzione musicale della band appare chiara a partire da “Fears you claim”, in cui gli stacchi propriamente modernisti e il riffing aggressivo lasciano spazio ad accelerazioni del sapore Megadeth e perché no, anche Dream Theater, complici le tastiere del già citato Belfiglio. “A place to be” sposta la lancetta su coordinate prettamente goth, laddove il termine non indica appiattimento a canoni prettamente commerciali, ma lascia intravedere intenti atmosferici molto vicini ai The Gathering, con le linee vocali femminili sottolineate da tempi spezzati di batteria e da un crescendo che trova la sua risoluzione in un ritornello denso di trame psichedeliche. Ed ecco che anche una track leggera e di puro impatto come “In vain” trova il suo spazio nel fresco mix tra alternative, metal e gothic che è impreziosito da un assolo zeppeliniano. Simili scelte si esplicano persino nei brani con timbriche più oscure, come la korniana “Needles and rust” (che risente della piacevole influenza dei nostrani Extrema), e le oppressive e cadenzate “Hide your smile” e “Silence of sound”, per lasciare emergere di volta in volta una sezione di tempi dispari, un’accelerazione dal sapore stradaiolo o una sezione riflessiva dal tocco “desertico”.
Una band che gioca molto bene le sue capacità tecniche, senza che queste emergano in maniera disordinata a sfavore dell’economia generale del proprio sound, e un disco che si pone una spanna sopra le recenti produzioni del settore, costruito com’è su un dosaggio accurato tra le varie componenti che influenzano i Dhune e sulla presenza di brani dinamici ed efficaci.
Voto: 8/10
Francesco Faniello

Contact:
www.myspace.com/dhunemusic
<<< indietro


   
Gravesite
"Neverending Trail Of Skulls"
Accept
"The Rise Of Chaos"
Thunder Godzilla
"Thunder Godzilla"
Circus Nebula
"Circus Nebula"
Buffalo Grillz
"Martin Burger King"
Monnalisa
"In Principio"
Overkhaos
"Beware Of Truth"
Antonio Giorgio
"Golden Metal - The Quest For The Inner Glory"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild