Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Devil’s Disciples
:: Devil’s Disciples - In The Name Of Hell - (Autoprodotto - 2014)
I Devil’s Disciples sono i figli legittimi di quei Cocaine Cowboys che già su queste pagine avevano stregato il buon Leandro Partenza con il loro approccio thrash/black vicino a quell’oscura galassia di sonorità che diede vita alle forme primigenie di thrash metal (Venom, Misfits, Motorhead e The Exploited, tanto per fare un po’ di nomi). Nel 2014 i fratelli fondatori Ade e Judah tornano “sul luogo del delitto” e grazie all’apporto di E.J. al basso mettono su questi Devil’s Disciples per riprendere il discorso esattamente da dove era stato interrotto. O magari, per dirla con Bruce Campbell in “Army Of Darkness”, per riaprire il libro nero e recitarne le formule più o meno allo stesso modo, a testimonianza dell’approccio fondamentalmente goliardico del trio, che ha in comune con i padri putativi Venom la capacità di non prendersi troppo sul serio e di combinare argomenti scioccanti su un sostrato musicale a tutt’oggi considerato “estremo” sempre e comunque con il sorriso stampato in faccia. Qualcuno obietterà che i tre di Newcastle hanno perso da tempo quella capacità, ma quello che conta è il lascito, e le iniziali “Church Burner” e “Rotten” non deludono affatto su questo versante. Da un certo punto di vista, potremmo definire “In The Name Of Hell” come uno “studio” di Venom in salsa punkeggiante e vicina ai primi Sodom sul versante estremo, e non saremmo troppo lontani dalla realtà, visto anche l’approccio tecnico essenziale e minimalista che richiama da vicino quel filone (in maniera a volte sin troppo ossessiva… i Violentor sono la dimostrazione di come si possa suonare “marci” e diretti anche senza tralasciare un approccio tecnico quadrato e preciso); sembra già abbastanza, ma “Worshippers of The Dying Whore” aggiunge qualcosa di più, con il suo mood vicino ai Celtic Frost e in generale agli inferi visionari tinteggiati da Tom G. Warrior. Altri episodi salienti sono “Lucifer”, incontro tra i Motorhead e i primi Slayer, “School Of The Devil”, che richiama sia nel titolo che nelle melodie la poetica marcia e punkeggiante del buon Cronos, e soprattutto lo stile crooner noir di “The Devil Ain’t Dwells In Hell”, riuscitissimo esperimento di malvagio blues acido alla Danzig/Johnny Cash supportato dalla slide guitar in un effetto straniante che ricorda anche i Ghost, se vogliamo. L’iconografia eccessiva e il face painting fanno il resto, e ora non mi resta che intercettarli dal vivo; per cui… “Klaatu Verata Nikto! Calma, calma! È tutto a posto, ho detto la parola, l’ho detta!”.
Voto: 7/10
Francesco Faniello

Contact
www.facebook.com/Devils.Disciples.666
<<< indietro


   
Rainbow Bridge
"Dirty Sunday"
The C. Zek Band
"Set You Free"
Buzzøøko
"Giza"
Carnera
"La Notte Della Repubblica"
The Doomsday Kingdom
"The Doomsday Kingdom"
Northway
"Small Things, True Love"
Kill Your Karma
"What Hides Behind The Sun"
L’Ira Del Baccano
"Paradox Hourglass"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild