Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Demian Heuke
:: Demian Heuke - Treumal - (Autoprodotto - 2014)
Fino al decennio scorso i progetti di chitarristi solisti erano un numero limitato, perlomeno quelli che riuscivano ad emergere, e giravano sempre i soliti nomi ( Vai, Satriani, Johnson, Malmsteen….). Al giorno d’oggi invece, dato che imparare a suonare la chitarra non è più per pochi, grazie alla facilità apprendimento dai manuali di tecnica, e che la rete funge da ottimo strumento mediatico per diffondere il proprio nome e i propri lavori, molti giovani chitarristi lanciano sul mercato musicale i propri album che nella maggior parte dei casi sono autoprodotti. Il tedesco Demian Heuke fa parte di questa nuova generazione e si diverte a fare progressive strumentale. Il talentuoso artista di Dusseldorf, dopo aver formato e militato in numerose band come Ravage, N-jected e The Aura, ha deciso esprimersi in compelata libertà in Treumal, sua prima fatica solista autoprodotta. Il tentativo non è niente male, dato che le doti di Demian sullo strumento non sono discutibili e i brani sono molto vari ben strutturati, ma le sue composizioni mancano di un aspetto che a mio parere è fondamentale in questo tipo di prodotto, ovvero le melodie portanti trascinanti. In un progetto come questo, lo strumento deve sostituire quello che è il compito della voce nei brani: dare un significato, dare un’emozione. Come ad esempio scordare le melodie di For the Love of God di Steve Vai?! O di Cliff of Dover di Eric Johnson?! Ai brani di Treumal questo aspetto manca, le frasi che dovrebbero essere portanti non lo sono e sembra che manchi qualcosa che effettivamente non c’è. Sembra quindi che i brani siano quasi un solo continuo su una struttura ritmica che ha basi progressive. Nota a favore del trentenne chitarrista tedesco però è il fatto che sappia adattarsi ad ogni esigenza del brano, studia bene sia le parti hard che le parti soft, molto bravo anche nell’acustico. Tenendo questo in considerazione, a mio parere Demian Heuke potrebbe fare la gioia di molte band progressive per la sua abilità tecnica e compositiva, ma come chitarrista solista dovrebbe crescere ancora un po’.
Voto: 6/10
Antonio Paolillo

Contact
www.facebook.com/pages/Demian-Heuke-Guitarist/113015265441244
<<< indietro


   
Fire Strike
"Slaves of Fate"
Aliante
"Forme Libere"
Unreal Terror
"The New Chapter"
Vetriolica
"Dichiarazione D’odio"
Stereo Nasty
"Twisting the Blade"
Kal-El
"Astrodoomeda"
Die! Die! Die!
"Charm. Offensive"
I Sileni
"Rubbish"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild