Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Daylight Silence
:: Daylight Silence - Threshold of Time - (Red Cat Records - 2018)
“All’alba del quarto millennio, le diseguaglianze sociali portarono la maggior parte dei paesi del mondo allo stremo. Le proteste diventarono scontri… e le rivolte, dei veri e propri massacri. L’unica risposta possibile alla cieca e brutale violenza fu instaurare un governo planetario repressivo e totalitario… e anche per questo, nasce il progetto Daylight Silence…” – insomma, una premessa “futuristica” e distopica molto vicina al mondo di Ken il guerriero! Ma il sound del gruppo romano è un classico e “easy” Heavy Metal. Sì, easy! Un sound molto “orecchiabile” e rockeggiante, tra echi maideniani e la scuola americana di R. J. Dio & co. – un disco che “suona” dannatamente anni ’80. Consiglio (da subito) questo lavoro d’esordio agli amanti dell’heavy metal (American style, per intenderci); un heavy eseguito da chitarre affilate, con abbondanti melodie. Gli otto brani che compongono Threshold of Time sono stati scritti in diversi anni, da una “cronosfera”… e il filo conduttore è proprio il viaggio: a partire da come i cinque membri dell’equipaggio si sono conosciuti, grazie alle proprie idee (The Power of Speech), passando per la sensazione di impotenza nella prigionia condivisa (Dreaming of Freedom) e il terrore di perdere il senno (Making Up My Mind), fino ad arrivare al limite stesso del tempo e dello spazio (Threshold of Time)… dove tutto, prima o poi, è destinato a tornare. Concludo: i brani di questo esordio sono consistenti e risolutivi; un concentrato di melodie e di richiami alle band anni ’80; le melodie, difatti, spesso ripercorrono raffinati paragoni e spesso mi hanno ricordato i primi Queensryche e/o Crimson Glory… Threshold of Time è dunque un disco che si fa ascoltare durante il viaggio (qualsiasi viaggio) e ci accompagna con indiscusso coinvolgimento; gli stati d’animo che evoca ci riportano nello spazio cosmico, dove tutto è nato – e dove la band si è sicuramente riunita per scrivere nuove canzoni. Il viaggio intrapreso dai cinque romani è quella giusto! Consiglio di aggiungere solo un po’ di “aggressività” al loro sound... beh, alla prossima, extraterrestri!
Voto: 6,5/10
Giovanni Clemente

Contact
www.facebook.com/pg/daylightsilencerock
www.daylightsilence.com
<<< indietro


   
Entering Polaris
"Godseed"
Pizdamati
"La Mia Vita"
Hyrgal
"Serpentine"
Fakir Thongs
"Lupex"
Gualty
"Transistor"
Necrodeath
"The Age Of Dead Christ"
Paradise Lost
"Believe In Nothing (remixed-remastered)"
Virtual Time
"From The Roots To A Folded Sky"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2018
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info


admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Privacy | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild