Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Danger Zone
:: Danger Zone - Line Of Fire - (Avenue Of Allies - 2011)
Mi fa sempre molto piacere ricevere promo di gruppi hard rock italiani, alcuni nuovi fiammanti, altri datati ma che purtroppo negli anni passati, quando questo genere aveva il dominio nel mondo discografico che conta, hanno avuto la sfortuna di essere italiani. Questo è il caso dei Dander Zone , gruppo storico di uno dei nostri maggiori guitar hero, Roberto Priori. La band dopo anni riesce a ritornare sul mercato con un cd nuovo di zecca e tutto platinato. “Line Of Fire” è un piccolo capolavoro di puro class metal (termine coniato negli anni \'80 per classificare le band che non erano né metal e né hard rock) molto ottantiano, come quando dagli USA band del calibro dei Dokken, Fifth Angel e co. interpretavano l’heavy metal in un modo tutto loro e particolare. I Danger Zone oggi ci regalano 10 tracce di puro piacere, grazie prima di tutto alla prova di Priori, ormai rinomato chitarrista, con i suoi riff semplici e immediati e i soli stile George Lynch, per intenderci. Ottima la prova del cantante Giacomo Gigantelli, che ricorda vagamente, anche se con più dolcezza, la voce del mitico Bon Scott, rendendo graffiante il tutto. Il disco si muove sempre tra i classici mid-tempo che caratterizzavano le band che proponevano questo connubio musicale dall’eleganza unica. Da menzionare la title track “Line Of Fire”, brano da un intro in tapping di chitarra in stile Van Halen seguito da un ritornello eccezionale! La seconda traccia, “Children Of The Revolution”, è invece un pezzo dal ritmo leggermente più incalzante, con uno stupendo riff heavy accompagnato dal classico ritornello con cori
accattivanti e dall\'ottimo apporto vocale di Gigantelli. Quasi d\'obbligo, a mio parere, un punto di merito in più alla sezione ritmica di Stefano Gregori (basso) e di Paolo Palmieri (batteria), sempre precisi e mai eccessivi lasciando il giusto spazio ai virtuosismi di Priori e di Gigantelli. Ottima anche la prova del tastierista Stefano Peresson con i suoi tappeti semplici, delicati e mai invasivi, che non rovinano quel tocco heavy che rende particolare questo “Line Of Fire”. Concludo dicendo che quest\'album ha tutte le caratteristiche giuste per esser apprezzato dagli amanti di quel metal platinato che veniva messo in macchina
ed ascoltato ad alto volume!
Voto:8/10
Antonio Abate

Contact
www.dangerzoneweb.com
www.avenue-of-allies.com
<<< indietro


   
Gravesite
"Neverending Trail Of Skulls"
Accept
"The Rise Of Chaos"
Thunder Godzilla
"Thunder Godzilla"
Circus Nebula
"Circus Nebula"
Buffalo Grillz
"Martin Burger King"
Monnalisa
"In Principio"
Overkhaos
"Beware Of Truth"
Antonio Giorgio
"Golden Metal - The Quest For The Inner Glory"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild