Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - - Ă - '





Reviews - Daath
:: Daath - The Hinderers - (Roadrunner - 2007)
Atipici, innovativi, potenti e grooveggianti in poche parole l\'ennesimo spettacolo sonoro firmato roadrunner: i DAATH
Formazione di 6 elementi provenienti da Atlanta (Georgia) ed intenti ad imprimere il marchio della città anche al proprio sound frutto di una attenta commistione di death, trash e black saggiamente fusi da un groove ad dir poco entusiasmante.
Con l\'album di debutto \"THE HINDERERS\", dice Eyal Evi, chitarrista, i Daath hanno voluto seguire l\'albero della vita al contrario trascinando l\'ascoltatore lungo un percorso cabalistico - musicale atto ad indagare su tutti gli aspetti autodistruttivi della vita al fine di trasporre in note il difficile raccordo tra istinto ed intelletto.
A mio avviso, la straordinaria produzione che accompagna l\'opera, la stessa con cui la casa madre ci ha viziato per tutti i prodotti in giro sul mercato da almeno 2 anni, è, nel caso dei Daath, un elemento svalorizzante. Non sto a dire che non siano da apprezzare il sound massiccio e le chitarre che sembrano mattoni in pieno volto ma sicuramente lo standard del momento a tolto qualcosa alla band spersonalizzando un\'idea di base che sicuramente avrebbe ottenuto un risultato migliore con
delle soluzioni sonore più personali e ricercate.
Chiusa questa mia parentesi personale, i DAATH ci regalano 13 emozionanti tracce dal groove e dalla potenza non indifferenti e adatte ad un pubblico di tutte le risme dove si possono assaporare sonorità che si possono rifare a qualcosa dei Samael come in \"Subterfuge\" la opening track e \"Cosmic forge\" (per me le più belle in assoluto del cd), altre sicuramente più immediate e thrasheggianti come \"From the blind\" e \"Ovum\" ed altre ancora che ammiccano sicuramente al black sinfonico dei Dimmu Borgir come in \"Under a somber sign\" e \"festival mass soulform\".
In definitiva un album di tutto riguardo dove la caratura tecnica dei componenti è messa al servizio della musica e non il contrario come spesso accade a chi cerca il particolare nella tecnica e non nella buona musica.

Grawl Malcom & Co
<<< indietro


   
Le Jardin Des Bruits
"Assoluzione"
Fragore
"Asylum"
Dark Ages
"A Closer Look"
Ananda Mida
"Anodnatius"
Ars Divina
"Atto Primo"
Time Lurker
"Time Lurker"
Anno Senza Estate
"MMXVII"
Face Down Hero
"False Evidence Appearing Real"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild