Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Colapesce
:: Colapesce - Un meraviglioso declino - (42Records - 2012)
Più che un debutto, “Un meraviglioso declino”, è il nuovo progetto di Lorenzo Urciulli (ex leader degli Albanopower), nome d’arte Colapesce, cantautore siciliano che con tredici ‘canzoni’ ci anticipa la bella stagione dosando in maniera sapiente ed esperta, tradizione e modernità. Con Toti Valente alla batteria, Giuseppe Sindona al basso e Francesco Cantone, chitarra e tastiere, Colapesce coinvolge numerosi altri musicisti che rendono ogni singolo pezzo unico e particolare: l’orchestra di Roy Paci ed il piccolo cameo della grande voce di Sara Mazo (ex Scisma)solo per citarne alcuni..Ad un primo ascolto poco importano le parole, i testi, i significati, l’attenzione è tutta incentrata sulla voce calda e morbida di Lorenzo, una perfetta coesione di note e corde rassicuranti, dopo la flebile intro “Restiamo in casa” con “Satellite” siamo al mare, siamo al sud, il freddo epico di quest’inverno è solo un ricordo sbiadito… l’impronta che “Colapesce” dà a questa traccia è delle più classiche del cantautorato made in Italy ma allo stesso tempo è contemporaneo quindi attualissimo. “Un meraviglioso declino” è un album che si lascia ascoltare ma soprattutto immaginare, ad ogni traccia il suo frangente, la sua ambientazione come in “La zona rossa” o nella malinconica e tersa “Un giorno di festa”, metafore e locuzioni intricate per raccontare di una città disarmata..o di un amore. Delicata e acida “Quando tutto diventò blu” è la traccia che ho preferito, quella che ho riascoltato più volte, a tratti ricorda la colonna sonora di un vecchio film italiano in bianco e nero(magari ambientato in Sicilia) ma allo stesso tempo la musica di un giovane cantautore che si avvale di viola violino e violoncello per ricreare sensazioni di tutti i giorni, geniale! La seconda parte del disco è un tripudio di collaborazioni, le tracce sono più ricche e poliedriche, la svolta la danno i “Barbari”che arrivano armati di flauto basso, corno francese e cori guidati dai “fiati” che creano illusioni vintage di sensazionale impatto. Colapesce è rassicurante, la sua musica ti porta a fissare il cielo disteso su una barca attraccata, si sta così bene cullati dalle onde, perché staccare gli ormeggi..
Voto: 7.5/10
sara centaro

www.myspace.com/colapesce
<<< indietro


   
Detest
"The End of All Ends"
Vessel of Light
"Vessel of Light"
The Kinn-ocks
"The Kinn-ocks"
Black Hole
"Evil In The Dark"
Ancient Empire
"The Tower"
Destruction
"Thrash Anthems II"
Niamh
"Corax"
Death2Pigs
"eMpTyV"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2017
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild