Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Charlotte
:: Charlotte - Medusa Groove - (Eonian Records – 2010)
Intorno alla fine degli anni 80, un certo tipo di metal-hard rock sparava le sue ultime cartucce. Se i Guns & Roses erano l’hard rock band più famosa al mondo e gli Skid Row non se la passavano male, il resto della scena era in lento declino dal punto di vista delle vendite. L’ondata grunge aveva persuaso noi adolescenti dell’epoca che l’essere degli sfigati in camicia a quadri era meglio di essere delle puttane truccate. Resta anche il dubbio di essere stati noi della Generazione X a indicare all’industria discografica che le rock band sfigate erano l’albero da cui scuotere gli ultimi soldi (di lì a poco il fenomeno Napster avrebbe iniziato a scavare la fossa per la discografia classica). In questo marasma, cinque giovanotti mossi da quel fondamentalismo cattolico che negli States fa rima con nazionalismo (se non hai una storia a qualcosa devi pur attaccarti) hanno deciso di metter su una band. Abbreviato il monicker Charlotte the Harlot nel solo Charlotte, questi ragazzi hanno iniziato a metter a ferro e fuoco i locali della Los Angles dell’epoca, in primis le mecche del rock duro anni 80: Whisky a Go-Go, Roxy e Troubador. Tra un concerto e un’invettiva contro Saddam (eravamo in piena Guerra nel Golfo), sono riusciti a metter giù una manciata di brani niente male. Questo album raccoglie la produzione della band compresa tre il 1988 e il 2009. La biografia che accompagna l’album evidenzia come il gruppo abbia preferito portare avanti la propria crociata contro il Diavolo, anziché cedere alle lusinghe delle major pronte a far ponti d’oro per loro. Non so quanto sia vero questo, però devo ammettere che le canzoni sono veramente buone. Il sound è quello che andava per la maggiore in quegli anni, ossia un rock massiccio a base di Rose e Pistole, però i Charlotte buttavano sul piatto anche un sana dose di hard blues alla Zeppelin o Whitesnake. Il risultato è un disco che, a mio avviso, non sarebbe passato inosservato neanche in quegli anni. Probabilmente, ora le mode sono cambiate e c’è poco spazio per questo sound. Però se siete dei nostalgici che hanno indossato mal volentieri i camicioni di flanella, comprate questo Medusa Groove… e ricorderete cosa significava essere i meno sfigati tra gli sfigati.
Voto: 8/10
g.f.cassatella

Contact
www.myspace.com/charlottelamusic
www.eonianrecords.com/
<<< indietro


   
Venom Inc.
"Avé"
Raging Fate
"Gods of Terror"
Grimgotts
"Lions of the Sea"
Detest
"The End of All Ends"
Vessel of Light
"Vessel of Light"
The Kinn-ocks
"The Kinn-ocks"
Black Hole
"Evil In The Dark"
Ancient Empire
"The Tower"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2017
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild