Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Cayne
:: Cayne - Addicted - (Oyez Srl Edition – 2011)
Chissà come deve essere lasciare una band agli esordi, seguire altre strade – non troppo distanti da quelle precedenti – e ritrovare di lì a poco gli ex compagni sulle pagine patinate di riviste del settore e non. Qualcuno osserverà che la persona più adatta al mondo per sciogliere questo dilemma è Dave Mustaine, ma quello del fulvo chitarrista è un caso più unico che raro, esempio di chi è riuscito a rialzarsi, ad iniziare una carriera artistica di tutto rispetto e credibilità, e a scolpire il proprio nome nella Storia. Purtroppo Milano non è l’America, come diceva qualcuno a Brescia. Ed è così che, nello specifico, più di dieci anni orsono i due chitarristi Claudio Leo e Raffaele Zagaria abbandonano la band che avevano contribuito a fondare, e seguono un percorso musicale assimilabile alla stessa. La band in questione, come qualcuno avrà già intuito, erano i Lacuna Coil, uno degli act di maggior successo internazionale partoriti dall’Italia, e i Cayne, fondati dai due axemen, dopo il debut album “Old Faded Pictures” su Scarlet avevano fatto perdere le proprie tracce fino alla fine di questo 2011, anno di pubblicazione dell’ep “Addicted”.
Zagaria non è più della partita, e il quintetto, con una formazione rinnovata, riparte proprio dalle origini con un mini tour di supporto ai cugini Lacuna Coil e con queste quattro tracce che rappresentano un ritorno sulle scene segnato da atmosfere gothic metal con forti contaminazioni wave. Ne è esempio “My damnation”, con un incipit e un riff principale di stampo classico nel genere proposto; un brano su cui aleggia un ottimo tappeto di tastiere, da cui emerge un chorus sofferto e ben modulato. Con la title-track il singer Giordano Adornato strizza l’occhio a Jonathan Davis e a quanto di più melodico realizzato da Korn e Deftones nel corso della loro carriera, su una base di modern gothic fortemente debitrice dei Paradise Lost del periodo intermedio. Una potenziale hit, segnata dall’uso del violino elettrico e da una serie di stop and go di sicura efficacia.
“Together as one” è ruffianetta e strizzante l’occhio al mainstream wave, con un uso sapiente del violino che fa perdonare anche i classici clichés di pianoforte e arpeggi usati a profusione negli oltre quattro minuti di durata. C’è spazio per un estratto tratto dal precedente disco, “In my eyes return”, qui riproposta in una versione live e più muscolare che non ne smaltisce la carica wave molto vicina a realtà italiane come i primi Litfiba e i Diaframma.
Intendiamoci, i Lacuna Coil non sono mai stati una mia grande passione: è forse anche per questo che la proposta dei Cayne appare interessante alle mie orecchie. Un dischetto forse un po’ eterogeneo, ma che appare godibilissimo e più convincente del precedente “Old Faded Pictures” proprio in virtù del nuovo innesto alla voce e degli inserti di violino che rappresentano un elemento di novità rispetto alle classiche strutture del genere. Quattro brani sono un po’ pochi per esprimere un giudizio definitivo, ma rappresentano comunque un buon biglietto da visita per un ritorno che, si spera, saprà donarci un full-length di un certo livello.
Voto: 7,5/10
Francesco Faniello

Contact:
www.cayne.it
:: Cayne - Cayne - (Graviton Music Services - 2013)
Dopo il convincente assaggio di “Addicted”, ben recensito su queste pagine, tornano i Cayne per regalarci l’atteso nuovo full-length, il primo dopo il datato debut “Old faded pictures”. Un dono che ha un valore ancora superiore in quanto è l’ultimo lascito del chitarrista e fondatore Claudio Leo, prematuramente scomparso all’inizio di quest’anno, con la band che ha coraggiosamente deciso di continuare la strada intrapresa rispettando in qualche modo il volere del fondatore; a giudicare dalla caratura dei brani presenti in questo album e dalla qualità del songwriting, la perdita non è solo umana ma anche artistica.
Fatta questa doverosa premessa, per i Cayne vale sostanzialmente quanto già detto poco più di un anno orsono: quello che conta sono le canzoni, e la band milanese non difetta certo su quel versante. Se è indiscutibile il peso rappresentato dai brani già presenti nell’EP (“Addicted”, “My Damnation” e “Together as one”), va osservato come il violino di Giovanni Lanfranchi rappresenti il cesello definitivo per molti dei migliori estratti, come “Waiting” e “Little Witch”, quest’ultima dotata di una piacevole sensazione di deja-vù: pur strizzando l’occhio a sonorità “video-friendly”, la track appare ben costruita e soprattutto impreziosita dall’insolito elemento sonoro. Lo stesso discorso vale per “Deliverance”, dal tocco molto trendy e vicino all’interpretazione mitteleuropea della commistione tra metal e wave, una soluzione stilistica in cui il quintetto eccelle particolarmente. Se tredici tracce portano con sé inevitabili alti e bassi, come il ritornello un po’ zoppicante di “King of nothing”, non mancano interessanti spunti di indurimento sonoro, di cui è esempio “Black liberation”, di sicuro vicina ad un sound più classico, complici i cori e il break. Una bella conferma per una delle proposte più interessanti degli ultimi anni, un disco di qualità.
Voto: 8/10
Francesco Faniello

Contact:
www.cayne.it
<<< indietro


   
Dark Ages
"A Closer Look"
Ananda Mida
"Anodnatius"
Ars Divina
"Atto Primo"
Time Lurker
"Time Lurker"
Anno Senza Estate
"MMXVII"
Face Down Hero
"False Evidence Appearing Real"
LorisDalì
"Gekrisi"
Cloven Altar
"Enter The Night"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild