Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Bungalow 62
:: Bungalow 62 - Mad, Bad, Dead - (Autoprodotto – 2012)
E’ in luoghi sperduti e incontaminati, solitari e suggestivi che ci piace immaginare i cantautori che scrivono musica nella massima intimità spinti da una forte urgenza creativa e pronti a mettersi a nudo e ad esporsi al giudizio dei critici musicali, troppo spesso poco inclini alla sensibilità, con il rischio di non essere apprezzati o ancor peggio di non esser capiti.. E’ proprio in uno di questi luoghi che il cantautore Paolo Forlì, pensa e crea il prorpio pseudonimo, “Bungalow 62”,nome indicativo di una casetta in un camping svedese che lo ha ispirato sia per il primo album che per “Dead, bad, mad” complesso ed essenziale nuovo lavoro discografico che uscirà a fine Marzo, quando si spera che l’ostinata neve di quest’anno si sia ormai sciolta e canzoni come “Browns Focus”, discreta e calda melodia, possano prepararci al disgelo…Trovo la voce di “Bungalow 62” coinvolgente, calda e in perfetto accordo con la chitarra acustica che passa da momenti di melodie raccolte a veri e propri intervalli vintage, psichedelici e vorticosi come sul finire di “Monkeys and camels”, sensazione che si avverte anche in “Binoculars on Sunday Afternoon”, pezzo sussurrato e noise che minaccia di entrarti in testa e rimanerci per molto.. Non mancano pezzi del tutto minimalisti ma dalle vedute larghe come “The two Marshall” e “The Doorman”, landescape emozionali e viaggi concettuali. Con la title track, Bungalow 62, mette a nudo la sua indole da cantautore essenziale, abbandona i parametri underground e con solo degli arpeggi timidi e confortanti ci mostra il suo mondo sussurrato… Si avvale di pochi supporti, Paolo, gli basta la sua voce e la chitarra, un coro femminile in “Vision J” e sfuggenti incursioni di oggetti percossi e tintinnanti in “Joseph Turpentine”, ma il tutto relegato al sottofondo… “Mad, bad, dead” stupisce e racconta senza bisogno di effetti speciali, si spoglia di inutili suoni riempitivi e regala sensazioni e stati d’animo.
Voto: 7/10
sara centaro

Contact
www.myspace.com/bungalowsixtytwo
<<< indietro


   
Destruction
"Thrash Anthems II"
Niamh
"Corax"
Death2Pigs
"eMpTyV"
The German Panzer
"Fatal Command"
Appice
"Sinister"
AA.VV.
"Live At Wacken 2015: 26 Years Louder Than Hell"
Salmagündi
"Life O Braen"
The Outer Limits
"Apocalypto"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild