Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Blood of Kingu
:: Blood of Kingu - Sun in the House of the Scorpion - (Candlelight Records -2010)
Dopo l’album debutto De Occulta Philosophia (2007), la band black/metal ucraina Blood of Kingu, formata nel 2005 da Roman Sayenko (Hate Forest, Drudkh, Dark Ages), Thurios ( Astrofaes, Drudkh, Hate Forest), Krechet (Drudkh, Astrofaes) e Yuri (Drudkh, Lutomysl), ci riprova con “Sun in the House of the Scorpion” (Candlelight Records). Questo disco si compone di 8 tracce della durata complessiva di 35 minuti (se fosse stato più lungo, probabilmente sarebbe stato alquanto noioso!). I testi traggono ispirazione dall’astronomia, dalla demonologia, dalla mitologia sumerica, egizia, antico tibetana e indo-ariana. La voce di Roman Sayenko, bassa, profonda, roca, gutturale, a tratti death/brutal, risuona come un ringhio feroce e “demoniaco”. Nonostante la breve durata dell’album, sono ravvisabili diverse sonorità. Corni, djembe e suoni sintetizzati “atmosferici” presenti nell’intro, negli interludi e nel brano “Morbid Black Dreams Bringing Madness” in particolar modo, producono un sound ethno/dark/ambient inquietante e mistico. “’Those that Wander Amidst the Stars”, “Cyclopean Temples of the Ones” e “Ceremonies to Awake Thy Ageless Hate”, presentano una ritmica heavy/black estremamente veloce e furiosa. In “Incantation of He Who Sleeps”, track molto ben strutturata di oltre 10 minuti, i Blood of Kingu dimostrano tutta la loro bravura: riff di chitarra potenti e graffianti, alternati a parti più lente e lineari, e drumming tecnico e a tratti davvero martellante! Lo stesso non si può affermare per quanto riguarda la cover “Gate of Nanna” dei Beherit: le singole parti del brano sono mal collegate tra loro rendendolo, nella struttura complessiva, alquanto instabile.
Vvoto:6,5/10
Luigi Filazzola

Contact
www.myspace.com/bloodofkinguband
www.candlelightrecords.co.uk
<<< indietro


   
I Sileni
"Rubbish"
Prong
"Zero Days"
Paradise Lost
"Medusa"
Straight Opposition
"The Fury From The Coast"
Blind Guardian
"Live Beyond The Spheres"
Mother Nature
"Double Deal"
Numenor
"Chronicles From The Realm Beyond"
Beny Conte
"Il ferro e le muse"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild