Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Blazing Clash
:: Blazing Clash - Outclass The Command - (Autoprodotto - 2013)
Come già detto altre volte in passato, fa una certa impressione veder crescere una band sotto i propri occhi. In questo caso parliamo dell’approdo al full length dei milanesi Blazing Clash, il cui demo di debutto fu una delle mie prime recensioni alcuni anni orsono. Un obiettivo più che meritato, ancorché giunto a qualche anno di distanza e sotto l’egida di un’autoproduzione, elemento che dovrebbe far riflettere sulla coerenza e sulla tenacia di questa band. Ultima considerazione in merito ai “tempi di uscita”: in un mondo impietoso che viaggia a velocità allucinanti, personalmente non mi ero affatto dimenticato dei Blazing Clash; mi è infatti capitato più volte di riascoltare “Princess Of Rock” in macchina, incastonato com’era tra un disco degli Accept e uno degli Equilibrium – ottima annata, il 2010 – e ricordavo benissimo l’approccio di puro heavy metal già sciorinato dai quattro in occasione del famigerato demo. Orbene, ecco la band al debutto sulla lunga distanza con questo “Outclass The Command”, un disco che trasuda sangue e attitudine da ciascuna delle nove tracce presenti, ripagando ampiamente le aspettative da me riposte: niente orpelli, né cedimenti a qualsiasi deriva di genere, sia essa power, epic o retro-rock. Va subito detto che l’intera tracklist di “Princess Of Rock” ha trovato spazio nell’album insieme alle nuove creazioni, e dunque “Outclass The Command” beneficia della stessa intro del demo, subito seguita da una “Back From The War” in versione ancora più incisiva, con la sua carica heavy unita ad un’epicità mai pomposa o fuori contesto. Stesso discorso vale per “Made Up To Be A Monster”, qui riproposta in una veste ancora più di impatto. Cavalcate NWOBHM a profusione si susseguono da “Deathwish” alla roboante “The Hammer”, con un sapiente uso dei cori a supporto delle linee vocali dal gusto piacevolmente retrò di Daniele Brusegan, e tra le “inedite”, merita di essere citata “World In Bane”, in cui il singer ricorda un po’ il Kiske dei due Keepers, o “Alice Through The Pages”, con un incedere affine agli ultimi lavori della Vergine di Ferro e una chiara citazione di “Alice: i giorni della droga” nelle liriche. Se è evidente il ruolo di Brusegan e del tagliente axeman Astro nell’economia dei Blazing Clash, non va sottovalutato l’apporto della sezione ritmica di Lana e Meloni, su cui si poggia tutta l’architettura della band. Un modo piuttosto classico di intendere le varie componenti della formazione che però convince appieno, anche perché le fondamenta di una band sono tanto più solide quando la stessa può fare affidamento su una sezione ritmica rocciosa e “quadrata”. Non ci resta che augurare ai Blazing Clash di raggiungere la visibilità che meritano, magari con un bel deal di distribuzione che sia in grado di valorizzarne le enormi potenzialità.
Voto: 8/10
Francesco Faniello

Contact:
www.facebook.com/blazingclash
:: Blazing Clash - Princess of Rock - (Autoprodotto - 2008)
Demo un po’ datato questo dei Blazing Clash, in quanto registrato nel 2008 e pubblicato nel dicembre dello stesso anno. Ciò non inficia minimamente la buona impressione che traspare sin dai primi ascolti di “Princess of Rock”, composto da 4 tracks più intro che strizzano l’occhio ai defenders più incalliti accompagnando il loro efficace impatto sonoro con una tecnica esecutiva degna di nota, un fattore che non guasta mai nel genere. Particolare è la cura dedicata agli arrangiamenti, sin dalla opener “Back from War”, che disegna nelle liriche scenari epici senza per questo perdere quel mordente e quella grinta spesso sottovalutate nelle recenti release heavy/power. Il segreto del combo milanese sta proprio nel non aver dimenticato la lezione dei maestri britannici, mescolando a puntino orchestrazioni tipiche di un certo power di fattura germanica con il più granitico stile hard rock/NWOBHM, come ben evidenziato in “The Hammer”, forse il brano più convincente del lotto, con il suo ritornello articolato e dal sapore eighties. “Made up to be a Monster”, conferisce un certo respiro alla tracklist con il suo incedere quasi sleazy. Il demo è chiuso dalla titletrack, che per la verità si dimostra l’anello più debole dell’intero lavoro: pur costruita su una buona base, pecca lievemente nelle costruzioni melodiche e risulta di minore digeribilità rispetto agli altri brani. Un plauso alla sezione ritmica, che ben sostiene le melodie vocali di Daniele Brusegan, dotato di una buona estensione vocale, ma anche di un timbro graffiante che emerge soprattutto nelle backing vocals, molto curate ed efficaci. Supportate, gente, supportate!
Voto: 7,5
Francesco Faniello

Contact
www.myspace.com/blazingclashmusic
<<< indietro


   
Destruction
"Thrash Anthems II"
Niamh
"Corax"
Death2Pigs
"eMpTyV"
The German Panzer
"Fatal Command"
Appice
"Sinister"
AA.VV.
"Live At Wacken 2015: 26 Years Louder Than Hell"
Salmagündi
"Life O Braen"
The Outer Limits
"Apocalypto"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild