Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '


Raw & Wild Rockfest IX edizione



Reviews - Bölthorn
:: Bölthorn - Across The Human Path - (Broken Bones Records - 2018)
I Bölthorn vengono da Parma e propongono un viking death metal con vari inserti melodici. Di recentissima formazione, “Across The Human Path” è il loro primo album; la line-up è composta dal fondatore e polistrumentista Ironcross, dal cantante Drake e dal chitarrista Röb. E dire che per un attimo ero stato tratto in inganno dalla quasi-opener “Sentinel”, con i suoi inserti di voce pulita direttamente reminiscenti di “Soul Of A New Machine” o “Demanufacture” dei Fear Factory... e invece no: le otto tracce restanti attestano senza alcun dubbio il trio emiliano sulle coordinate definite dal puro viking death metal, con tanto di chitarre scarne atte a disegnare linee epiche di battaglia, per non parlare del susseguirsi delle voci e di ogni altro elemento che possa far palpitare i tanti aficionados di questa particolare franga del metal. E poi... ci sarà forse un legame tra la loro provenienza e il celebre adagio di questi tempi per cui Parma sarebbe la patria nostrana del war metal? Il discorso va approfondito, esattamente come i concetti stessi di viking/pagan/war metal, una serie di definizioni “ombrello” che tuttavia sembrano funzionare alla grande sia per i gruppi scandinavi che per quelli provenienti da altre aree geografiche, come i baltici Skyforger. Personalmente, sono tra quelli che ritengono “As Yggdrasil Trembles” degli Unleashed un po’ il golden standard del genere, e va detto come – seppure i Bölthorn prediligano un’interpretazione dello stesso più vicina al black – la carica di epicità emanata da “Across The Human Path” regge a sufficienza il confronto con il blasonato lavoro succitato. A fornire le frecce all’arco di Ironcross ci pensano il lisergico feedback nella coda di “For Honor”, l’epica cavalcata di “Thor”, la frostiana “Midgaard” e la nera “The Lair Of The Beast”, che beneficia più di tutte di quel rifferama grattugioso che è diretto discendente dei Darkthrone. Un disco ben fatto, che mi sento di consigliare a chiunque non voglia rinunciare al giusto tocco di epicità in ambito estremo.
Voto: 7,5/10
Francesco Faniello

Contact
www.facebook.com/Bolthornband
<<< indietro


   
Pensées Nocturnes
"Grand Guignol Orchestra"
Upanishad
"Crossroad"
Age Of Time
"Into The Storm"
Eva Can’t
"Febbraio"
Petralana
"Fernet"
Bullfrog
"High Flyer"
Brutal Cancan
"Polemos"
Rhapsody of Fire
"The Eighth Mountain"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   


Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2018
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info


admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Privacy | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild