Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Bölthorn
:: Bölthorn - Across The Human Path - (Broken Bones Records - 2018)
I Bölthorn vengono da Parma e propongono un viking death metal con vari inserti melodici. Di recentissima formazione, “Across The Human Path” è il loro primo album; la line-up è composta dal fondatore e polistrumentista Ironcross, dal cantante Drake e dal chitarrista Röb. E dire che per un attimo ero stato tratto in inganno dalla quasi-opener “Sentinel”, con i suoi inserti di voce pulita direttamente reminiscenti di “Soul Of A New Machine” o “Demanufacture” dei Fear Factory... e invece no: le otto tracce restanti attestano senza alcun dubbio il trio emiliano sulle coordinate definite dal puro viking death metal, con tanto di chitarre scarne atte a disegnare linee epiche di battaglia, per non parlare del susseguirsi delle voci e di ogni altro elemento che possa far palpitare i tanti aficionados di questa particolare franga del metal. E poi... ci sarà forse un legame tra la loro provenienza e il celebre adagio di questi tempi per cui Parma sarebbe la patria nostrana del war metal? Il discorso va approfondito, esattamente come i concetti stessi di viking/pagan/war metal, una serie di definizioni “ombrello” che tuttavia sembrano funzionare alla grande sia per i gruppi scandinavi che per quelli provenienti da altre aree geografiche, come i baltici Skyforger. Personalmente, sono tra quelli che ritengono “As Yggdrasil Trembles” degli Unleashed un po’ il golden standard del genere, e va detto come – seppure i Bölthorn prediligano un’interpretazione dello stesso più vicina al black – la carica di epicità emanata da “Across The Human Path” regge a sufficienza il confronto con il blasonato lavoro succitato. A fornire le frecce all’arco di Ironcross ci pensano il lisergico feedback nella coda di “For Honor”, l’epica cavalcata di “Thor”, la frostiana “Midgaard” e la nera “The Lair Of The Beast”, che beneficia più di tutte di quel rifferama grattugioso che è diretto discendente dei Darkthrone. Un disco ben fatto, che mi sento di consigliare a chiunque non voglia rinunciare al giusto tocco di epicità in ambito estremo.
Voto: 7,5/10
Francesco Faniello

Contact
www.facebook.com/Bolthornband
<<< indietro


   
Blood Thirsty Demons
"… In Death We Trust"
The Kinn-ocks
"Again"
Stormlord
"Far"
Handful of Hate
"Adversus"
Oigres
"Psycho"
Vincenzo Grieco
"Misleading Lights of Town"
Sarah
"Le coincidenze"
Motel Satori
"Blossom and Flower"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   


Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2018
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info


admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Privacy | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild