Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Athesis
:: Athesis - Athesis - (Ghost Record Label/Crashsound - 2014)
Gli Athesis sono una band milanese relativamente giovane, dedita ad un curioso connubio tra il sostrato tipicamente power metal che costituisce l’ossatura primaria delle proprie influenze e altre suggestioni più vicine al death metal, con un pizzico di epicità folk a completare il quadro. Mi rendo conto che con un simile incipit rischio di complicare la recensione già in partenza, ma la mia definizione è sostanzialmente mutuata da quanto la band stessa scrive, e devo dirvi che non si distanzia poi così tanto dalla realtà. “Athesis” è il loro EP di debutto, tre pezzi più intro per una manciata di minuti (poco meno di venti) in cui la band dispiega in maniera esauriente il proprio credo metallico. Si parte da “As The River Flows”, e al di là dei forti richiami alle partiture di “Amelie” ad opera di Yann Tiersen gli Athesis riescono a trasportare l’ascoltatore in un ambiente musicale tipicamente battle metal nello stile dei White Skull, con richiami ad un passato epico ben sottolineato dallo stesso monicker della band (Athesis è il nome latino del fiume Adige). “Hostilia” è la prima vera track in scaletta, in cui una serie di scelte armoniche vicine ai Maiden dei primi anni ‘90 vengono spezzate da inserti di linee vocali in growl, subito sottolineate dal raddoppiarsi dei tempi di batteria. Ecco il motivo per cui sostenevo sin dall’inizio che la componente classic/power è maggioritaria nell’economia degli Athesis, con lo stile multiforme del vocalist Andrea “Bluesman” Daniele ad avvicinare di quando in quando il quartetto al tipico Gothenburg sound degli In Flames, e con la componente folk relegata alle tematiche trattate e al flauto (dolce?) che fa capolino su “Kingdom Of Fanes”, forse la track più rappresentativa dell’intero EP, abbellita com’è da un’atmosfera corale alla Hammerfall e da un assolo particolarmente ispirato. Un prodotto sicuramente ancora un po’ acerbo, ma con tanti spunti interessanti, e suonato con la giusta passione e convinzione: se gli Athesis riusciranno in futuro a rendere più armonica la matrice triplice da cui traggono ispirazione potremmo vederne delle belle…
Voto: 7/10
Francesco Faniello

Contact
www.facebook.com/athesisband
<<< indietro


   
Disequazione
"Progressiva Desolazione Urbana"
Labyrinth
"Architecture Of A God"
Uneven Structure
"La Partition"
Full Leather Jackets
"Forgiveness: Sold Out"
The Sade
"Grave"
The Charm The Fury
"The Sick, Dumb and Happy"
Zora
"Scream Your Hate"
LoboLoto
"Even The Stones Fall"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild