Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Aorlhac
:: Aorlhac - L’Esprit des Vents - (Les Acteurs De L’Ombre Productions - 2018)
Uno sguardo al passato, raccontando la storia della Francia del Sud, del Nord Italia e della Spagna del Nord; quella narrata dagli Aorlhac è una storia dalle tinte medievali e moderne, sempre nel rispetto dell’eredità degli antenati! L’Esprit Des Vents è il terzo album della trilogia iniziata con La Croisée des Vents (2007) e seguito da La Cité des Vents (2010); il disco segna anche il ritorno della band dopo 7 anni di assenza discografica e 10 anni di esistenza. L’album è costruito su un desiderio di continuità, ma allo stesso tempo c’è la volontà di rompere con ciò che è stato già fatto, per mezzo di un suono più elaborato e più maturo. I soggetti sono ancora una volta legati alle leggende e ai racconti locali, ma anche alle storie di contrabbandieri famosi o personaggi belligeranti che hanno segnato alcuni periodi di quelle zone. L’etichetta invece raccomanda l’ascolto di questo disco a qualsiasi amante dell’Epic Black Metal di stampo Suhnopfer, Taake, Windir e Dissection. La produzione è davvero buona, e si sposa bene con le linee di chitarra cavalleresche e pesanti, tra i giochi della batteria e il cantato in francese. L’album contiene 11 brani in cui il trio si destreggia tra atmosfere e cavalcate epiche e suoni più ruvidi – grazie anche alle atmosfere e alle ritmiche – e di chiaro stampo Black Metal. Brani come La Révolte des Tuchins, Infame Saurimonde e L’Ora es Venguda (giusto per citarne tre), sono episodi interessanti dove la sottile linea del black tradizionale si avvolge e si maschera di epicità (a tratti, in maniera quasi teatrale). Praticamente, è l’ennesimo “centro” che ha fatto l’etichetta francese LADLO… un’altra band interessante – nonostante non sia molto attiva – che riesce a trasportarci in un mondo “fantastico” e tenebroso allo stesso momento. L’Esprit des Vents è un disco valido, che non farà gridare al miracolo, ma che si fa ascoltare, anche ripetutamente. Armatevi di pazienza e di volontà… e affrettatevi a recuperare (come sempre) una delle 1000 copie in digipack e/o una delle 300 in vinile. Cosa state aspettando?
Voto: 7,5/10
Giovanni Clemente

Contact
www.facebook.com/Aorlhac
www.myspace.com/aorlhac
<<< indietro


   
Psycho Kinder
"Diario Ermetico"
Nagaarum
"Apples"
Opeth
"Garden of the Titans: Live at Red Rocks Amphitheatre"
Riccardo Andreini & Bramasole
"Come Polvere"
Stonewall
"Never Fall"
Dewfall
"Hermeticus"
Woebegone Obscured
"The Forestroamer"
Stins
"Through Nightmares and Dreams"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2018
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info


admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Privacy | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild