Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Anticlowise
:: Anticlowise - Carry The Fire - (Madhouse Music - 2013)
La prima volta che ho letto qualcosa di Cormac Mc Carthy stavo quasi per lasciar stare. Così come m’era capitato per Saramago, il dover leggere dei dialoghi incastonati nel corpo del testo rendeva tutto più complicato. Anni e anni di letture mi hanno condizionato, sono schiavo di ben determinate regole di punteggiatura. L’effetto straniante poi è passato, ma all’inizio è stata dura. Gli Anticlokwise prendono spunto per il proprio secondo lavoro (il primo, Non Linear Dynamical Systems, risale al 2009) da un romanzo dello statunitense, quello più famoso: La Strada. Scelta non usuale, abituati come siamo ai cliché rigidi del metallo. Questa lo dice molto sulla voglia del combo bergamasco di andare in senso contro orario, di muoversi in modo eccentrico. La stesse scelte stilistiche lo evidenziano, il thrash tecnico e progressivo dei nostri connazionali riporta a quello cervellotico dei rimpianti Nevermore. Questo particolare diventa croce e delizia durante la fruizione di Carry The Fire. Diciamolo chiaramente: il 99% della roba che recensiamo su queste colonne sa di già sentito, quindi non cerchiamo l’originalità (più per costrizione che per scelta), però normalmente ci troviamo innanzi a un confronto uno a cinque, il che significa che una band tende a incorporare nel proprio sound elementi che arrivano da una manciata di fonti ispirazione. Più difficile il caso in cui il rapporto sia uno a uno, come nel caso di questi lombardi. E qui arriviamo alla delizia, per un fan di un certo tipo di musica e sostenitore della prima ora di Loomis e compagni. Ho ascoltato CTF con uno stupido sorrisino di piacere sulle labbra. La fiammella dell’interesse si è subito accesa, mi son messo lì ad ascoltare con piacere, una, due, tre volte l’album. Però poi si passa alla fase croce, quella dei confronti, perché messe a tacere le ghiandole che mi hanno sollazzato sino a quel momento con le loro secrezioni, ho iniziato a pensare: però non sono i Nevermore. Stolto di uno scribacchino, logico che non lo sono! Non lo sarà mai nessuno. Però il confronto è inevitabile, così come l’esito. Alla band mi sento di consigliare di andare avanti, le carte e le capacità ci sono tutte, però il balzo in avanti dipende dal coraggio che i lombardi avranno di staccarsi dal modello degli americani. Altrimenti il potenziale notevole del gruppo verrà sprecato. Buona la seconda, ma che non sia un cuscino su cui dormire sogni di gloria futura, ma che diventi un trampolino di lancio verso orizzonti inesplorati.
Voto: 7,5/10
g.f.cassatella

Contact
www.facebook.com/anticlockwiseprogthrash
<<< indietro


   
Ancient Empire
"The Tower"
Destruction
"Thrash Anthems II"
Niamh
"Corax"
Death2Pigs
"eMpTyV"
The German Panzer
"Fatal Command"
Appice
"Sinister"
AA.VV.
"Live At Wacken 2015: 26 Years Louder Than Hell"
Salmagündi
"Life O Braen"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild