Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Angelize
:: Angelize - Light of a dying star - (Digipack - 2003)
Emozione, feeling, sensazioni arcane, passione, melodia e quant’altro: questi sono alcuni dei modi con cui può essere definito il lavoro degli Angelize, band cremonese dedita ad un Gothic metal, molto elaborato, accattivante nei riffs e struggente nelle melodie, che ha da poco dato alle stampe il suo primo lavoro intitolato “Light of a dyng star”.
La band nasce dall’incontro di Filippo Oneda(voce e chitarra) e Fiore(basso e batteria) con l’intento di creare un genere in cui prevalga l’emozione e non tanto la tecnica o l’originalità. Dopo vari problemi e cambi di line up, la band subisce alcuni rallentamenti, che però non ledono i preparativi per il loro primo lavoro. Con la seguente formazione, Filippo Oneda(chitarra), Stefano Bologni(chitarra), Nicola Novellini(basso), Omar Zeli(tastiera), Thomas Mantovani(batteria), Simone Zarotti(voce) e Serena Savioli(voce), insieme ai guest musicians Roberto Rossi(sax) e Diego Tininini(percussioni), gli Angelize hanno dato una decisa consistenza al loro lavoro, con un cd, composto, purtroppo, da solo sei tracce, suonate con coerenza, emozione e passione, tanto per ribadire quanto detto sopra. Tutte le tracks, presenti sul cd posseggono una propria anima calda, occulta, profonda, e gotica. Le composizioni risultano logiche e cangianti, senza eccessivi squilibri e rese dinamiche dalle melodie delle chitarre di Bologni e di Oneda e le tastiere di Zeli. I duetti fra la voce melodiosa e pulita di Serena Savioli e quella tetra di Simone Zarotti su “Waiting for him” ricordano i Macbeth, mentre la versione “ambient gothic” di One degli U2, conferma la surreale inventiva del combo Cremonese ed anche un plauso al sassofonista Roberto Rossi ed al suo dinamico assolo sempre su One. Sono evidenti anche le influenze degli Anathema.
Per essere una prima prova c’è veramente da rimanere stupiti di fronte alla fantasia ed alle melodie dei Angelize, una band da sentire, da ascoltare ma soprattutto da comprendere.

Tracklist
1. Waiting for him
2. The land of dreams
3. I close my eyes (parte I)
4. I close my eyes (parte II)
5. One #19*
6. The day I will see

AN

Contact
Filippo Oneda: angel.of.distress@wind.it
Stefano Bologni: bologni.stefano@libero.it
www.angelize.s5.com
<<< indietro


   
Buzzøøko
"Giza"
Carnera
"La Notte Della Repubblica"
The Doomsday Kingdom
"The Doomsday Kingdom"
Northway
"Small Things, True Love"
Kill Your Karma
"What Hides Behind The Sun"
L’Ira Del Baccano
"Paradox Hourglass"
Night Demon
"Darkness Remains"
Au-Dessus
"End of Chapter"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild