Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Alan Parson
:: Alan Parson - Eye 2 Eye - Live In Madrid - (Frontiers – 2010)
Predestinato o self-made man? Se il primo disco in cui ti accreditano è Abbey Road dei Beatles, verrebbe da dire che sei un predestinato. Se non ti accontenti e cerchi sempre nuove frontiere (del suono) da varcare, allora sei un testardo che si è fatto da sé. Alan Parson è un predestinato che si è fatto da sé. Mai contento dei risultati raggiunti (stiamo parlando di un tizio che come produttore e come musicista ha venduto carrettate di album da Abbey Road e The Dark Side Of The Moon, sino ai successi degli Alan Parson Project). Certo Alan si è sempre trovato meglio in studio: come un bambino con il piccolo chimico, l’inglese ha giocato con strani aggeggi per trovare suoni nuovi. La stessa esperienza con gli Alan Parson Project, fondati con Eric Woolfson (attivi dal 1975 sino al 1990, poi Eric ha continuato come musichiere teatrale e Parson ha messo su un progetto omonimo) si sono rivelati essenzialmente una studio band. Per questo un album come Eye 2 Eye - Live In Madrid rappresenta una ghiotta occasione per poter ascoltare (e vedere, per chi possiede il DVD) Alan eseguire (come Alan Parson) il repertorio per lo più degli Alan Parson Project. Accompagnato da una band di tutto rispetto (Alan Parson - chitarra acustica, tastiere e voce, P. J. Olsson: chitarra acustica e voce, Godfrey Townsend - chitarra e voce, Luca Ferretti - batteria e voce, Manny Focarazzo - tastiere e voce e John Montagna - basso e voce), circondato dalla splendida cornice di Plaza Moyr (Madrid), il maghetto regala mille emozioni in bilico tra elettronica, suggestioni letterarie (Poe, Asimov, Dick ) e, perché no, pop rock (l’hit “Eye In The Sky). Purtroppo dell’edizione in DVD (l’intero concerto in formato NTSC region free con mix in stereo 2.0) non ho ricevuto il promo, quindi non sono in grado di giudicarne il valore. Per quanto concerne, la versione audio mi sento di consigliare questo album a chi non ha nulla degli APP e che ritiene sufficiente un solo album con il meglio. Per chi invece vuole approfondire meglio il discorso, allora non resta che puntare sugli album pubblicati tra il 1976 e il 1982.
Voto: 7,5/10
g.f.cassatella

Contact
www.alanparsonsmusic.com
www.the-alan-parsons-project.com
ww.frontiers.it
<<< indietro


   
Raging Fate
"Gods of Terror"
Grimgotts
"Lions of the Sea"
Detest
"The End of All Ends"
Vessel of Light
"Vessel of Light"
The Kinn-ocks
"The Kinn-ocks"
Black Hole
"Evil In The Dark"
Ancient Empire
"The Tower"
Destruction
"Thrash Anthems II"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2017
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild