Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Akroterion
:: Akroterion - Decay Of Civilization - (Andromeda Relix - 2018)
Gli Akroterion possono essere considerati la pecora nera della famiglia Andromeda Relix. In un catalogo ricco di ottime proposte legate all’heavy classico, all’hard e al prog, questo trio spicca per la propria proposta estrema. Chi li ha già conosciuti ai tempi dell’esordio di un paio d’anni fa, ‘Commander of Wild Spirits’, sa che ci troviamo innanzi a una band dedita a un black fortemente legato ai dettami classici della scena scandinava di metà anni 90. Però, se da un lato la band sembra andare sul tranquillo quando si esprime nel suo genere di adozione, all’interno di ‘Decay Of Civilization’ troviamo un paio di capitoli che denotano una voglia di andare oltre. Se ‘Brains’ abbraccia delle soluzioni vicine al punk, con ‘The Gift Of Lady Death’ la band si distacca completamente da quelli che sono i contenuti delle sei song che la precedono. Il brano in questione ha un approccio più vicino all’hard prog di band quali Deep Purple, Quatermass e, soprattutto, Uriah Heep. Non mi riferisco al solo cantato pulito, ma alle sonorità del pezzo in toto. Le differenze con quanto proposto in precedenza sono notevoli, viene quasi da pensare che sia un esperimento posto in coda al disco, ma il dubbio che questa canzone possa tracciare il cammino futuro della band resta. Se però così fosse le varie influenze del gruppo dovranno essere miscelate con maggiore equilibrio, per evitare scompensi. Ritornando al cuor del disco, dicevamo come la band proponga un black canonico, ma comunque efficace. L’iniziale ‘Inatiatory Death’, l’epica ‘Red Dawn Under A Chemical Sky’ e la title-track sono i pezzi migliori del lotto, con Immortal, Mayhem, Borknagar e Vintersorg che vengono chiamati in causa. Detto che il CD è uscito con una tiratura bassissima, solo 150 copie, ‘Decay Of Civilization’ appare un buon disco, forse di transizione, che potrebbe lanciare gli Akroterion verso soluzioni artistiche molto interessanti se la band riuscisse a far convivere in modo equilibrato le diverse anime che la permeano.
Voto: 7/10
g.f.cassatella

Contact
www.facebook.com/akroterionband
www.andromedarelix.com
<<< indietro


   
Wyatt Earp
"Wyatt Earp"
Finister
"Please, Take your Time"
Magar
"Capolinea"
Akroterion
"Decay Of Civilization"
Zippo
"Ode To Maximum (reissue)"
Nevrorea
"Diva"
Albert Marshall
"Speakeasy"
Enio Nicolini
"Live Heavy Sharing Vinile Release"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2018
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info


admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Privacy | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild