Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Adimiron
:: Adimiron - Everlasting Light - (Autoprodotto)
Gli Adimiron, band emergente ma già a buoni livelli da Brindisi ci propone un melodic death black metal che segue le influenze di gruppi come Children of Bodom , In Flames e perchè no anche un pò Dark Tranquillity. La loro musica è basata su melodia che è ben denotata dalle tastiere e dalle sovraincisioni di chitarra che insieme rendono tutto molto più tecnico e atmosferico e nello stesso tempo da quella cattiveria che non fa mai male che è rappresentata dalla voce e da alcuni riffs particolari che spesso caratterizzano la struttura dei brani! C’è da notare la grande tecnica del chitarrista che non deve sfuggire all’ascoltatore e la fantasia con qui sono stati composti i pezzi articolati in modo originale…melodici e allo stesso tempo molto interessanti!!! Gli Adimiron sono quattro eredi del puro melodic death metal con degli influssi black metal tanto azzeccati e ben inseriti nel contesto musicale.Chi ama il genere potrà ben riscontrare ciò che ho detto e di sicuro contattare la band per avere il loro demo. Gli Adimiron sono in attesa del vostro supporto!
ONLY DEATH..SUPPORT THE SCENE!
Li attendiamo con ansia nella scena italiana!

N

Contatti:
Alessandro Castelli
Via G. da Verrazzano, 4
72100 BRINDISI - ITALY
adimironband@katamail.com
:: Adimiron - Timelapse - (Scarlet Records - 2014)
Ancora una volta la città di Roma non si dimostra prolifera solo di reperti archeologici e importanza storica, ma partorisce un’altra band dal sound quasi unico in Italia. Gli Adimiron sono la dimostrazione di quanto il progressive piace al popolo metal italiano, con il loro stampo a metà fra europeo e statunitense, e sfuriate thrash metal a contornare il tutto. Timelapse, terzo attesissimo full-length, è un po’ il riassunto dell’essenza della band. Quest’album è carico di tempi, caricamenti, cambi e sound progressive, influenzato molto dal prog dei ben noti Tool. Il contorno thrash ha un sapore aggressivo, tipico del genere, e davvero ben mixato con il resto delle influenze della band. Il risultato finale è un sound poco proposto in Italia prima di loro, ma che si conosce già bene in Europa per mezzo dei francesi Gojira. Timelapse è un album che sorprende per la sua varietà di sonorità, per i suoi svariati colori, per i cambi di tensione, e anche per la qualità della registrazione. Le danze si aprono con “Collateral”, brano davvero molto bello, riassunto della maggior parte delle influenze della band; altri brani di quest’ultimo lavoro che sottolineano le capacità degli Adimiron sono “State of Persistence”, “The Giant and the Cow” e “Redempion”. Un album davvero interessante, ma con l’importante pecca della ripetitività: i brani sono molto belli presi come singoli, ma diventano ripetitivi all’interno di un full-length. Il difetto principale di questo ultimo lavoro della band romana è proprio il fatto che la riproduzione non scorre liscia ed indisturbata dalla prima all’ultima traccia, ma comincia a diventare lievemente noiosa nel mezzo, nonostante i singoli brani abbiano grande valore. Ciò che sembra è che gli Adimiron abbiano trovato una formula fissa che permette loro di far funzionare tutti i brani che producono , ma questo rende le cose troppo uniformi, soprattutto nella composizione delle linee vocali che sono molto simili tra un pezzo e l’altro. Al di là di questo piccolo difetto, vale davvero la pena ascoltare questo disco perché è un lavoro che porta molta innovazione alle sonorità tipicamente espresse nel nostro Bel Paese, che si dimostra sempre in gran parte affezionato alla vecchia scuola.
Voto: 6,5/10
Antonio Paolillo

Contact
www.facebook.com/adimironofficial
www.facebook.com/scarletrecords
:: Adimiron - When Reality Wakes Up - (Karmageddon Media – 2008)
Si sentono i dieci anni di esperienza per gli Adimiron, band che raggiunge la consacrazione con il secondo full-lenght intitolato “When Reality Wakes Up” datato 2008. Musicalmente parlando siamo in presenza di un post thrash metal con venature industrial il cui sound rimanda palesemente ai Nevermore, attingendo proprio da Jeff Loomis e company virtuosismi chitarristici e struttura complessa dei vari brani.
Ciò che risalta immediatamente nelle undici tracce del disco è la produzione praticamente impeccabile, così come l’esecuzione ben al di sopra della media dei gruppi italiani underground. Wrong side of the town e Das experiment sono i capitoli che secondo me esprimono al meglio l’essenza degli Adimiron risaltandone di più i pregi e la filosofia musicale. Se non nutrite pregiudizi verso la modernità e le registrazioni cristalline allora non resterete affatto delusi dal lavoro in questione.
Voto: 8/10
Francesco Salerno

Contatti:
www.myspace.com/adimironcrew
<<< indietro


   
Rainbow Bridge
"Dirty Sunday"
The C. Zek Band
"Set You Free"
Buzzøøko
"Giza"
Carnera
"La Notte Della Repubblica"
The Doomsday Kingdom
"The Doomsday Kingdom"
Northway
"Small Things, True Love"
Kill Your Karma
"What Hides Behind The Sun"
L’Ira Del Baccano
"Paradox Hourglass"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild