Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Achernar Dream
:: Achernar Dream - Hypocrisera - (Autoprodotto - 2012)
Diciamolo apertamente: ci sono gruppi che con i loro lavori (già dal primo ascolto) riescono a convincerti e ad emozionarti, altri (invece) ci riescono dopo qualche ascolto e (purtroppo) qualcun altro nemmeno dopo trenta/sessanta ascolti! Ed eccomi oggi alle prese con gli Achernar Dream, precisando che è un progetto… segreto (?)! Confesso che sin dalle prime note sono stato “affascinato” dal suono “misterioso” che la band ci propone (ora capite l’introduzione a questa recensione?). Bene, la band si presenta come Art Prog e con pochissime informazioni (effettivamente, altrimenti che band misteriosa sarebbe?): “Achernar Dream è un progetto nato nel 2007. Esprimendo una visione personale della società e del genere umano – attraverso la musica. Con la collaborazione di alcuni amici, hanno realizzato liriche, musica, registrazione, artwork, mix e pre-mastering… e Hypocriseria è arte!”. Come dicevo prima, sono stato immediatamente affascinato da questa misteriosa band… allora inserisco il cd e play, si inizia. Si parte con “Infinity”: è delicata, misteriosa, bellissima, con un senso (appunto) di vastità! Segue “Faithless Soul” e “F.e.e.l.” - con la prima (divisa in tre parti: “Birth”, “Lament” e “The Faithless One”) si percepiscono alcuni riferimenti al Gothic Metal (con la voce femminile), la seconda invece ritorna ad ammaliare con delicatezza e mistero – binomio molto frequente nell’intero album. “Unknown Lands”, è calda, emozionante, per poi esplodere con l’energia delle chitarre, interessante; “I Breathed” è un altro arcano motivo, che con la voce (femminile) riporta quei (pochi) sapori del Gothic. “Someone to Be” è poesia? È nenia? Riesce a travolgermi e a portarmi con sé! “Mechanima” è divisa in cinque parti (“Dream Chamber” – “Autumn Chamber” – “Climbing Towards Depths” – “Return… a New Machine” e “Welcome Back… PF Reprise”), ed è il brano più lungo dell’album (20:48), dove si alternano tutte le visioni di questo misterioso gruppo italiano. D’accordo, non è un disco per tutti, ma consiglio di farlo vostro… donategli più ascolti, l’album crescerà ascolto dopo ascolto… così gli Achernar Dream vi travolgeranno con le loro (personali) idee. Incredibili… e diciamolo, un progetto così in qualche paese del Nord Europa farebbe faville e successo. Un altro motivo per comprare italiano!
Voto: 9,5/10
Giovanni Clemente

Contact:
www.achernarproject.org
achernardreamers@gmail.com
<<< indietro


   
I Sileni
"Rubbish"
Prong
"Zero Days"
Paradise Lost
"Medusa"
Straight Opposition
"The Fury From The Coast"
Blind Guardian
"Live Beyond The Spheres"
Mother Nature
"Double Deal"
Numenor
"Chronicles From The Realm Beyond"
Beny Conte
"Il ferro e le muse"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild