Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - A Theory of Justice
:: A Theory of Justice - A Theory of Justice - (Memorial Records - 2014)
Sei pezzi, diciannove minuti: questo si chiama parlare, mi son detto appena ho aperto il promo degli Atoj, acronimo di A Theory Of Justice. Sono parole che ho probabilmente speso a suo tempo anche per gli Psychofagist, e non è un caso, dato che i due gruppi hanno varie affinità, anche se con sostanziali divergenze nel sound: mentre gli autori di “Songs of Faint and Distortion” erano dediti all’avantgarde/grind più schizzato di scuola Brutal Truth/Painkiller, il quintetto di Lodi non prescinde da un tappeto ritmico molto groovy e vicino alle suggestioni Nu Metal/screamo. Velocità e presupposti diversi, ma obiettivi assimilabili, poiché l’impiego di chitarre noise/core nell’opener “Kleptophobia” è il primo segno di quanto la band sia una spanna sopra le altre proprio per la scelta di soluzioni armoniche che si rifanno da un lato alla tradizione di Korn e Deftones, dall’altro al noise di Unsane e dei nostrani Crunch, sonorità che ultimamente ritornano spesso sulla mia scrivania, e che mi fanno rivivere i bei tempi di Chemical e Miskatonic University, con un po’ di Addiction 96… yeah! E poi, voglio vedere se non saltate sul break di “Kakorrharphiophobia”, uno di quegli stacchi geniali che ti rivoltano la track (e i connotati) come un calzino, o se vi lascia indifferenti la grande “Hypothermia”, in cui sembra di andare per davvero in ibernazione, per poi essere “risvegliati” dagli incredibili rallentamenti vicini agli Eyehategod meno lisergici di “Hyperthermia”. Tocca a “Phobia” ridurre tutto ai minimi termini, come coda liquida a cui fa eco la conclusiva “Demonophobia”, sorta di compendio di tutta la disperazione claustrofobica dell’ep, a metà tra i primissimi Neurosis – quelli “Souls At Zero” – e le progressioni dei Voivod di “Negatron”. Un lavoro consigliatissimo a tutti quelli che si sono ritrovati in almeno una delle band citate a (parziale) termine di paragone; per il resto… dite che si tratta di un concept sulla fobia? Probabile…
Voto: 7,5/10
Francesco Faniello

Contact
www.facebook.com/atojband
atoj.bandcamp.com
<<< indietro


   
Disequazione
"Progressiva Desolazione Urbana"
Labyrinth
"Architecture Of A God"
Uneven Structure
"La Partition"
Full Leather Jackets
"Forgiveness: Sold Out"
The Sade
"Grave"
The Charm The Fury
"The Sick, Dumb and Happy"
Zora
"Scream Your Hate"
LoboLoto
"Even The Stones Fall"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild