Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - A Theory of Justice
:: A Theory of Justice - A Theory of Justice - (Memorial Records - 2014)
Sei pezzi, diciannove minuti: questo si chiama parlare, mi son detto appena ho aperto il promo degli Atoj, acronimo di A Theory Of Justice. Sono parole che ho probabilmente speso a suo tempo anche per gli Psychofagist, e non è un caso, dato che i due gruppi hanno varie affinità, anche se con sostanziali divergenze nel sound: mentre gli autori di “Songs of Faint and Distortion” erano dediti all’avantgarde/grind più schizzato di scuola Brutal Truth/Painkiller, il quintetto di Lodi non prescinde da un tappeto ritmico molto groovy e vicino alle suggestioni Nu Metal/screamo. Velocità e presupposti diversi, ma obiettivi assimilabili, poiché l’impiego di chitarre noise/core nell’opener “Kleptophobia” è il primo segno di quanto la band sia una spanna sopra le altre proprio per la scelta di soluzioni armoniche che si rifanno da un lato alla tradizione di Korn e Deftones, dall’altro al noise di Unsane e dei nostrani Crunch, sonorità che ultimamente ritornano spesso sulla mia scrivania, e che mi fanno rivivere i bei tempi di Chemical e Miskatonic University, con un po’ di Addiction 96… yeah! E poi, voglio vedere se non saltate sul break di “Kakorrharphiophobia”, uno di quegli stacchi geniali che ti rivoltano la track (e i connotati) come un calzino, o se vi lascia indifferenti la grande “Hypothermia”, in cui sembra di andare per davvero in ibernazione, per poi essere “risvegliati” dagli incredibili rallentamenti vicini agli Eyehategod meno lisergici di “Hyperthermia”. Tocca a “Phobia” ridurre tutto ai minimi termini, come coda liquida a cui fa eco la conclusiva “Demonophobia”, sorta di compendio di tutta la disperazione claustrofobica dell’ep, a metà tra i primissimi Neurosis – quelli “Souls At Zero” – e le progressioni dei Voivod di “Negatron”. Un lavoro consigliatissimo a tutti quelli che si sono ritrovati in almeno una delle band citate a (parziale) termine di paragone; per il resto… dite che si tratta di un concept sulla fobia? Probabile…
Voto: 7,5/10
Francesco Faniello

Contact
www.facebook.com/atojband
atoj.bandcamp.com
<<< indietro


   
Le Jardin Des Bruits
"Assoluzione"
Fragore
"Asylum"
Dark Ages
"A Closer Look"
Ananda Mida
"Anodnatius"
Ars Divina
"Atto Primo"
Time Lurker
"Time Lurker"
Anno Senza Estate
"MMXVII"
Face Down Hero
"False Evidence Appearing Real"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild