Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - 3 inches of blood
:: 3 inches of blood - Advance and Vanquish - (2004)
Puro heavy, 100% Judas Priest e defender che più defender non si può: questo, in pochi termini, il giudizio sull’opera dei Three Inches of Blood intitolata “Advance and vanquish”.
Per la serie niente di nuovo sotto il sole. Praticamente i Judas Priest. Il sound, a mio avviso, è potente ma fortemente immaturo e rasentante la scopiazzatura. Nessuno mette in dubbio la bravura dei musicisti, perfettamente dentro i canoni del metal, senza particolari salti, ma alla fine il cd risulta un bel po’ stuffoso.
Ottimo per gli amanti del metal più defender, tradizionalista, buzzurro, epico e guerrafondaio.

MURNAU

Contact:
www.3inchesofblood.com
threeinchesofblood@hotmail.com
Email (management) - donrobertson@idolmanagement.com
:: 3 inches of blood - Fire Up The Blades - (Roadrunner Rec. – 2007)
Dediti ad un thrash-power rapido e di ottimo impatto, richiamano tutte le spigolature dei grandi gruppi: Iron Maiden, Judas Priest e con questi nomi, anche l’ottima prova del cantante Cam Pipes, che su ogni brano inserisce la sua voce graffiante e acuta. Si ascoltino “Night Marauders” e “The Goatrider’s Horde” per scorgere le qualità canore del musicista e le idee di una band ispirata e tecnicamente vincente. Chi ama il genere potrà ascoltare old riff in “Trial of Champions” o poweriane melodie in “Forest King”, mentre per i proseliti della nuova scena, gli accordi monocorda del thrash più estremo di “Demon’s Blade”, faranno sgranare gli occhi agli appassionati del genere. Ottima la produzione che da un effettivo valore all’intero lavoro, con lyrics epicheggianti (si poteva intuire dalla copertina contornata da armi da taglio di tutti i tipi). Ciò che rimane subito nella memoria al primo ascolto, sono le martellanti note dei fraseggi principali (parliamo di ritornello per chi non l’avesse capito), difficili da dimenticare una volta che l’album si richiude nella custodia.

Stefano De Vito
<<< indietro


   
Deflore
"Epicentre"
Where The Sun Comes Down
"Welcome"
Lo Fat Orchestra
"Neon Lights"
Eyelids
"Endless Oblivion"
Disequazione
"Progressiva Desolazione Urbana"
Labyrinth
"Architecture Of A God"
Uneven Structure
"La Partition"
Full Leather Jackets
"Forgiveness: Sold Out"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild