Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - - Ă - '






:: Agglutination Metal Festival X Edizione, 09/08/2004

Anche quest´┐Żanno questo memorabile festival ´┐Ż stato organizzato alla meglio nei minimi dettagli e con la massima professionalit´┐Ż e precisione, peccato solo per la non troppa gente presente al festival!!! Il bill in questione vedeva band come Iron Saviour, Marduk e Cristall Ball come headliners e altre band di supporto quali Centurion, Rain, Thy Majesty, Novembre, Nameless Crime, Disguise e Walkyrya. Arriviamo con un piccolo ritardo di un quarto d´┐Żora che praticamente ha fatto si che non abbiamo potuto ben ascoltare la band di apertura dal nome Walkyrya che a quanto pareva da un breve ascolto di pochi brani (per via del ritardo) facessero un heavy metal molto epico che poco mi ha convinto e che poco sembrava essere apprezzato.

Dopo di loro (ormai ero nelle prossimit´┐Ż del palco) cominci´┐Ż la ottima performance dei Disguise band barese dedita ad un ottimo black metal che di sicuro ha fatto impazzire chi di black se ne intende e che ha dato modo di notare immediatamente l´┐Żaggressivit´┐Ż della band sia per il loro impatto scenico e sia per il sound davvero aggressivo´┐Ż peccato che una band come la loro che si esibisce con la luce del sole non d´┐Ż lo stesso effetto che potrebbe dare suonando a sol calato!!! Tutto organizzato alla perfezione, un backline mostruoso e un palco bellissimo, tanti stand e bella gente´┐Ż.infatti mentre mi deliziavo nel cercare qualche buon cd. dopo la seconda pausa del cambio palco, che iniziano a suonare Nameless Crime che da subito hanno incuriosito le mie orecchie anche se avevo gia avuto modo di sentire qualcosa di loro.

Un´┐Żottima band che definirei veramente tecnica dedita ad un prepotente power thrash che ha soddisfato tutti coloro che erano sotto il palco (me compreso) mostrando davvero tutta la loro grinta supportata in una maniera fantastica dalla folla che li ascoltava.

E´┐Ż il momento dei bolognesi Rain (conosco questa band da molto tempo e non vedevo l´┐Żora di vedere cosa avrebbero combinato!!!!), salgono sul palco gi´┐Ż con le facce di chi sta per fare un gran casino ed infatti fu cosi´┐Ż per tutta l´┐Żesibizione la band ha trascinato con se tutto il pubblico in un pogo sfrenato e bello da vedere, impatto scenico dei migliori (non stavano un attimo fermi!!) e in pi´┐Ż il loro hard rock heavy metal ´┐Ż davvero ben suonato e soprattutto molto coinvolgente. Un plauso a questa fantastica band!!!!! Dopo i Rain salgono sul palco i siciliani Thy Majesty.
Purtroppo questo non ´┐Ż un genere musicale che riesco bene a recensire quindi mi sforzer´┐Ż di dare delle piccole informazioni. Oltre al fatto che sia una band che ´┐Ż sotto contratto per la famosa Scarlet records, la band proponeva un synphonic power metal con tastiere e cori che da un punto di vista compositivo ´┐Ż stato apprezzato, ma che scarseggiava di impatto scenico´┐Ż.forse sono io che ascolto troppa roba estrema.

Da Ancona per noi ecco i Centurion che mi hanno davvero sorpreso per il calore che hanno trasmesso agli spettatori sia per la loro ottima esibizione grazie anche ad un front man davvero capace di gestire la situazione e grazie anche al fatto che le due cover Painkiller e Metal Gods dei Judas Priest eseguite con discretezza hanno fatto esaltare coloro che quei brani li hanno stampati nel cuore e anche chi invece apprezza perch´┐Ż brani storici del metal mondiale. La performance ´┐Ż stata soddisfacente, ottimi i suoni e ottimo l´┐Żimpatto scenico.
E´┐Ż la volta dei Romani Novembre che con il loro gothic dark calmarono un p´┐Ż la sfrenatezza dei kids grazie anche alle loro atmosfere che per fortuna con il buio della sera hanno potuto avere un ottimo effetto. Molti brani vecchi e un gran supporto da chi da anni segue questa ormai famosa band italiana.

Arrivano sul palco gli svizzeri Cristal Ball che pochissimi dei presenti conoscevano, molti di noi erano davvero curiosi tanto ´┐Ż vero che appena saliti sul palco di certo non hanno deluso le aspettative di nessuno anche se come originalit´┐Ż o personalit´┐Ż c´┐Żera ben poco. La band comunque dedita ad un hard rock davvero sfrenato e coinvolgente ha scaldato in maniera gradevole tutta la folla che accompagnava e supportava la band per tutti i sessanta minuti della loro esibizione.
E´┐Ż stata una bella soddisfazione vedere questa band che ha saputo farsi apprezzare grazie anche ad un vocalist che con quel poco di italiano che conosceva incitava la band e muoversi, sfrenarsi e soprattutto divertirsi. Dopo del sano rock aspettiamo con ansia i Marduk che con un sound oscuro, un drummer velocissimo e resistente e un ottimo impatto scenico hanno reso felici tutti coloro che si erano recati al festival per vedere questa cult band apprezzata dai veri amanti e magari anche da chi di brutalit´┐Ż se ne intende.

Ho apprezzato molto la velocit´┐Ż del batterista anche se non mi hanno poi dato chiss´┐Ż quale emozione anche perch´┐Ż i periodi di Panzer Division Marduk sono ormai passati in pi´┐Ż la band per motivi sconosciuti ha suonato meno del previsto lasciando in preda alla delusione tutti i kids che da ore attendevano il loro show. Arrivato il momento degli Iron Savior, eravamo davvero esausti e la stanchezza cominciava a farsi sentire infatti non abbiamo potuto seguire tutto lo show della band per via dei tanti chilometri che ci aspettavano. Per chi ama il true power metal sono stati davvero un´┐Żottima band, per chi invece adora le sonorit´┐Ż estreme hanno invece scatenato noia e voglia di andarsene, ma di sicuro anche questa band, gli ´┐Żheadliner´┐Ż per eccellenza ha saputo ben coinvolgere il pubblico che ha supportato alla grande la band specie nel momento in cui ´┐Ż partita la stupenda cover Breakin the Law dei gia citati e coverizzati Judas Priest.
Una edizione che ci ha fatto conoscere nuove leve italiane e una sorprendente band svizzera, un grazie va all´┐Żorganizzazione ed in maggior modo a Gerardo Cafaro che tiene alta questa realt´┐Ż.

Alex "Necrotorture"

<<< indietro


   
I Sileni
"Rubbish"
Prong
"Zero Days"
Paradise Lost
"Medusa"
Straight Opposition
"The Fury From The Coast"
Blind Guardian
"Live Beyond The Spheres"
Mother Nature
"Double Deal"
Numenor
"Chronicles From The Realm Beyond"
Beny Conte
"Il ferro e le muse"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild