Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '






Armageddon In The Park VII – San Giacomo Degli Schiavoni – Campobasso – 31/07/2010

Settima edizione del tanto atteso Armageddon In The Park situato in quel di San Giacomo Degli Schiavoni(CB), location bellissima, ideale per un concerto fuori dal comune. In questa edizione nomi di gran lusso hanno calcato il palco e, nonostante la pioggia che ha creato problemi e ritardi, il popolo metallaro ha resistito alla grande, impaziente di ascoltare i propri beniamini. Prima di iniziare a parlare delle varie bands vorrei ringraziare di cuore tutto lo staff dell’ Armageddon, ragazzi disponibilissimi e pieni di energia e voglia di fare, sicuramente la prossima edizione sarà ancora meglio di questa, ce bisogno di gente come loro per rianimare il metal al sud.
I primi a dare il benvenuto sono i TRODDEN SHAME, band che gioca in casa dedita ad un Thrash Metal violento, i ragazzi presentano pezzi della loro vecchia demo ed ho notato un livello tecnico davvero molto buono. Il tempo per migliorare ce tutto ed è in occasioni come queste che le band soprattutto giovani devono tastare il suolo. Complimenti dunque ai ragazzi, spero di vederli di nuovo dal vivo al più presto.
Dopo i Trodden Shame tocca ai bolognesi MURDER THERAPY, la prima cosa che noto è l’assenza del singer e questo penalizza molto l’esibizione. Mettiamoci anche il minutaggio scarso che hanno a disposizione(maledetta pioggia) non posso giudicare appieno la loro performance.Rinviati alla prossima…
A questo punto dovevano esserci i DEATH MECHANISM, che slittano nella scaletta sempre per un ritardo non voluto. Li vedremo anzi li ascolteremo durante l’esibizione dei Bulldozer.
Ed ora tocca ai grandi SAWTHIS(ex Sothis) fare un bel po’ di macello tra i kids, belli diretti, grande presenza scenica dovuta anche all’ esperienza accumulata nel corso degli anni. Da notare che il nuovo cantante e ben diverso dal precedente. Dopo averli visti tutti e due non trovo chi sia migliore dell’altro, bensì hanno diverse personalità. Tocca ai fans della band dare un giudizio…

Tracklist:

Him Mortality
Mr. Zero
Blood Effect S.F.X.
Act Of Sorrow
Beyond The Bound
The Purifier

Ed ora lasciatemi dire che i SADIST sono una vera macchina da guerra. Trevor e soci sono una delle band italiane che stimo di più, sia per disponibilità ed umiltà, sia per la loro tecnica e bravura una spanna sopra gli altri. Si parte subito alla grande con i pezzi del nuovo album “Season In Silence” per poi ripercorrere tutta la carriera della band(tra tutte la bellissima Tribe). I ragazzi sotto al palco partono con un pogo sfrenato ed è bellissimo notare le nuove leve godere della performance dei Sadist, segno che la loro musica riesce a coinvolgere sia le vecchie che le nuove leve. In poche parole maligni…

Tracklist:

Broken And Reborn
Season In Silence
The Attic And The World Of Emotions
One Thousand Memories
Escogido
Christmas Beat
Tribe
Tearing Away
Somethimes They Come Back

Dopo questa parentesi distruttiva sale sul palco una delle persone che avrei voluto vedere dal vivo da un sacco di tempo. Finalmente ho l’occasione di gustarmi PINO SCOTTO in tutta la sua panza, jack e rock and roll! Il nostro buon Pino sale sul palco e parte alla grande con un omaggio alla sua storica band Vanadium, darei tutto per rivedere una reunion al pari dei Black Sabbath con Ozzy, comunque a parte questo, lui è un grande, coinvolge il pubblico in una maniera assurda con le sue lamentele giuste verso una società ormai allo sfascio. Personalmente i suoi ultimi lavori non li apprezzo tantissimo ma bisogna dare merito ad un artista che, nel corso degli anni si è sempre messo in gioco fregandosene di tutti e di tutto. Vai così Pinooooooooo!

Track List:

Get Up Shake Up
Spaces And Sleeping Stones
Fighter
On Fire
Diatribal Rock
Piazza San Rock
Come Noi
Il Grido Disperato Di Mille Bands

Finalmente dopo Pino Scotto tocca agli attesissimi headliner della serata: BULLDOZER anche loro freschi di uscita del nuovo album. Un vero massacro uditivo, sanguinolento, pensatela come volete ma loro sono stati i veri mattatori della serata. Andy Panigada(presenza scenica assurda!) e compagnia distruttiva hanno sfornato una prestazione superba e lo sanno i poveri addetti ai lavori alle transenne, che a fatica mantenevano la folla di ragazzi accalcata sotto al palco. Trà pezzi nuovi e vecchi direi che tutti hanno gradito anzi, saremmo stati per ore ed ore ad ascoltarli.Live reso ancora più succulento come ho detto in precedenza dal mini break dei DEATH MECHANISM che hanno in comune il batterista. Complimenti davvero!
 
Track List:

Intro
Unexpected Fate
Use Your Brain
Bastards
Ix-Desert-Ix
Ilona The Very Best
The Derby
We Are… Italian
Minkions
Micro V.I.P.
Overture-Neurodeliri
Cut Throat
Whiskey Time
Willful Death

E così termina questa settima edizione dell’Armageddon In the Park con la consueta estrazione della chitarra, io mi dirigo verso il mio camper soddisfatto di questa serata di sano metallo e con la speranza che al sud qualcosa sta cambiando in meglio. Noi abbiamo bisogno di questi festival ed i ragazzi sono consapevoli che grazie al loro supporto saranno possibili queste realtà.

Antonio De Rosa

<<< indietro


   
I Sileni
"Rubbish"
Prong
"Zero Days"
Paradise Lost
"Medusa"
Straight Opposition
"The Fury From The Coast"
Blind Guardian
"Live Beyond The Spheres"
Mother Nature
"Double Deal"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild