Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - - Ă - '






DAMNED + Mugshots - Estragon, Bologna - 13/02/2009

Dopo quasi un’ora di performance live degli italiani Mugshots (ennesima band clone death punk- rock in stile Adicts/ Misfits) parte il carrozzone dei Damned, e il pubblico non vede l’ora.
In puro stile dark,  il frontman Dave Vanian si presenta con una mise da barbiere/dentista malefico in camice bianco e cerone, mentre non può mancare il basco rosso in testa a Captain Sensibile.
Apre la serata There’ll come the day, tratto da Phantasmagoria, azzeccata scelta per i fan più dark; presenza ritmica eccellente, con le tastiere di Monty Oxymoron a fare la differenza.
In scaletta moltissimi brani estratti dal terzo album, Machine gun etiquette, all’insegna della nostalgia: Love song, Plan 9 Channel 7, Melody Lee, Antipope.
Con qualche riferimento burlone a Venerdì 13, fatidica data neanche troppo casuale, Vanian ci riporta al periodo “nero” del Black Album  (The history of the world part I e Wait for the blackout).
Captain Sensibile è un instancabile solo guitar, accompagnato dalla perfetta crooner voice, davvero unica, di Vanian.

Qualche concessione alla loro parte più demenziale avviene con Captain che suona con una lattina di birra vuota e rispolvera la sua hit commerciale WOT!, comunque gradita dal pubblico.
Il tripudio punk dei cult New Rose e Neat, neat, neat non tarda ad arrivare; il pogo in atto è innocuo ma è severamente (e tristemente) vietata dalla security qualsiasi concessione allo stage diving e simili.
Ancora due vecchie perle commerciali di Captain, Jet boy Jet girl e Disco man (all’urlo di “Fuck the disco!”). L’ora e mezza si conclude con una versione da manuale di Smash it up I – II,  se non fosse che Algy Ward al basso manca davvero, in questo brano…

I Damned hanno ormai trent’anni di carriera alle spalle, pochi gruppi hanno saputo sopravvivere come loro, reinventandosi continuamente tra lo psycho, il punk e il dark/ goth.
Certamente, qui in Italia la scaletta è stata selezionata attentamente per favorire i classici, mentre nello UK /US Tour, i brani estratti dagli ultimi due album occupano almeno il 50% del concerto.
Nessun brano estratto da Grave disorder e solo un piccolo assaggio del nuovo, So who’s paranoid, per un Estragon gremito ma non pieno; una live performance tecnicamente ineccepibile che ha solo il difetto di essere stata poco partecipatoria a livello di interazione con il pubblico, come sarebbe stato nella più genuina tradizione punk. Ma tant’è, gli anni passano per tutti…

Voto: 7/8

Sara Palladino

<<< indietro


   
Rainbow Bridge
"Dirty Sunday"
The C. Zek Band
"Set You Free"
Buzzøøko
"Giza"
Carnera
"La Notte Della Repubblica"
The Doomsday Kingdom
"The Doomsday Kingdom"
Northway
"Small Things, True Love"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild