Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - - Ă - '






Pino Scotto + Marshall - 28/03/2008 - Target, Bari

Pienone si prevedeva al Target di Bari, e pienone è stato in occasione della data pugliese del tour che vede impegnato Pino Scotto. La popolarità  del cantante partenopeo è alle stelle in questo periodo e lo si è capito dalla eterogeneità del pubblico presente: ragazzini che hanno conosciuto Pino grazie alle sue scorribande televisive e rocker attempati che seguono il nostro sin dai tempi dei Vanadium.
Il compito di aprire le danze è spettato ai napoletani Marshall, altro gruppo storico, ormai da qualche anno tornato in piena attività. Il pubblico sotto il palco è stato ben numeroso e caloroso, e ha accompagnato lo show della band in modo entusiastico. Le note della tastiera di Marco Signore hanno  introdotto il primo brano “Knights Of The Black Cross”, seguito in rapida successione da “The Call Of The Banshee”. La mistura di power metal e progressive  ha entusiasmato il pubblico e la band non ha potuto fare a meno di ringraziare. “Flying Into The Void” ha preceduto la cover di “Stormbringer” dei Deep Purple. La band dello storico batterista Lino Mazzola è apparsa in piena forma e la ottima voce del cantante Cosimo Darino, accompagnato da una corista, ha saputo regalare con l’apporto della chitarra di  Joe Dardano ottime trame melodiche. “Krakatau” ha preceduto il medley “Atlantis Rise + Thermopylae”. Ottima prova dei napoletani ormai di casa in terra di Puglia.

Occhialini da sole, gilèt di pelle e bottiglia di Jack Daniel’s in mano, ecco come si è presentato il rocker italiano per eccellenza sulle assi del palco. Da buon cerimoniere Pino ha lasciato subito la scena al rock più vero e sanguigno e alle note di “Fighter” tratto da “Third Moon” dei Fire Trails. Il passo successivo è un salto indietro nel tempo di circa ventisei anni: “On Fire”, brano presente nel primo disco dei Vanadium, mentre la successiva “Streets Of Danger” è un estratto da Game Over (1984).

La voce di Pino è roca e tagliente, l’ideale per la successiva  “Get Up, Shake Up”. Nuovamente Fire Trails con il brano omonimo del secondo album, che precede “Spaces”. Il concerto è stata una vera e propria carrellata sulla produzione di Scotto, e così non sono mancati neanche i pezzi in lingua italiana tratti dall’ultima fatica discografica del cantante partenopeo: “Datevi Fuoco”. I brani sono stati nell’ordine “Piazza San Rock”, “Guado”, “Come Noi” e il “Grido Disperato Di Mille Band”. Inutile dire come il pubblico abbia accolto nel migliori dei modi anche questi pezzi, cantandoli a piena voce. Lo scambio di adrenalina è stato notevole con il pubblico che incitava il gruppo e Pino che rispondeva a modo suo sparando veleno sul degrado della società italiana. Si torna alla lingua d’Albione con le finali “Silent Heroes” (Fire Trails) e “Too Young To Die” che hanno preceduto la cover di “Long Live Rock And Roll” dei Rainbow epoca R. J. Dio. Un grande concerto, una grande serata di rock and roll… e questo non è poco oggigiorno…

g.f.cassatella

<<< indietro


   
Buffalo Grillz
"Martin Burger King"
Monnalisa
"In Principio"
Overkhaos
"Beware Of Truth"
Antonio Giorgio
"Golden Metal - The Quest For The Inner Glory"
Avatarium
"Hurricanes And Halos"
Ecnephias
"The Sad Wonder of the Sun"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild