Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - - Ă - '






Black Winter Night - New Sin - Mirabella Eclano (AV) - 16/02/2008

In una tipica notte invernale (con tanto di neve!) si è tenuto il “Black Winter Night” in quel di Mirabella Eclano (AV).
Innanzitutto vorrei dire che il New Sin (anche se è un locale un po’ fuori mano!) è un ottimo luogo in cui far svolgere un concerto, ma ora “bando alle ciance” cari lettori e vi descrivo subito lo svolgimento della serata.

Essendo impegnato ad intervistare Ossian e Vlad degli Opera IX non ho potuto assistere allo show degli Hellvate (band scelta per aprire il concerto!) e quindi non potrò esprimere alcun giudizio sulla band. Quando l’intervista si è conclusa uscendo dal backstage vedo che si stanno preparando i No Mercy, band che avevo già avuto modo di sentirla dal vivo sul palco degli esordienti al S-Hammer 2007 dove presentarono per lo più cover e che vi dirò non mi erano piaciuti per nulla!
La Band invece in questa serata ha presentato quasi tutti brani loro (hanno presentato solo una cover!), brani dal sound death che non presenta nulla di originale!
Complessivamente nella poco più di mezz’ora a loro disposizione la Band a presentato uno show che non mi ha colpito per nulla ma devo dire che dall’ultima volta che ho avuto modo di vederli, i componenti della band sono tecnicamente migliorati, tranne il cantante che presenta uno scream molto sforzato a tal punto che molto spesso risulta essere fastidioso, cosa che mi rimase molto impressa dell’ultima volta che li vidi.

Scendono dal palco i No Mercy e subito salgono i Malvento, dopo un breve sound check la band inizia subito a suonare i loro brani. La band ha presentato un po’ di scenografia: il bassman si è presentato sul palco con le braccia tinte di rosso sangue e con una maschera antigas in viso, il cantante/chitarrista invece si è presentato con una maschera da boia che gli copriva il viso.
La Band presenta nei 10 brani da loro proposti un black metal minimale dove il tutto è puntato sull’atmosfera, durante il loro show hanno avuto un atteggiamento davvero freddo nei confronti del pubblico (non hanno detto una parola durante il loro show, neanche per ringraziare i pochi presenti che li hanno apprezzati!).
Non voglio dire affatto che la Band dal vivo non sia valida, ma credo che sarebbe stata apprezzata maggiormente se al posto di presentare una scaletta formata da 10 brani ne avesse presentata una formata da 6 brani dato che il genere risulta essere (o almeno secondo il mio parere!) un po’ ripetitivo e quindi a sua volta stancante se ascoltato a lungo!
Comunque da ciò che ho ascoltato, consiglio a tutti gli amanti del genere (per chi ancora non la conoscesse!) di conoscere questa band.

I Sakahiter per problemi personali non hanno potuto suonare, davvero un peccato perché dopo aver sentito parlare gran bene di questa band ero molto curioso di poterli ascoltare dal vivo. Quindi senza aspettare molto, sul palco salgono i lucani Ecnephias che essendo reduci di un buon album che è “Dominium Noctis” e di un nuovo acquisto (si tratta di Sicarius Inferni alle tastiere), soprattutto per quest’ultimo aspetto, ero molto curioso di poterli ri-ascoltare live.
La Band nei suoi 45 minuti circa a propria disposizione ha presentato sei brani in cui ha fatto capire ai presenti il suo: death/ghotic metal.
La maggior parte dei brani presentati da questa band sono stati estratti dal loro primo full leight ma ne ha presentati anche diversi dal lavoro precedente: il minicd di debutto “November”.
Del loro show i momenti degni di nota sono stati l’esecuzione di: “Burn Witch Burn!” brano che sprigiona una grande carica e che oramai pare sia diventato il “cavallo di battaglia” della Band e “Lost Love Ballad” in cui ha presentato maggiormente la parte più romantica o qualsivoglia ghotic del loro sound.
Non vi nascondo affatto che non è stata la prima volta che ho visto questa band esibirsi live e posso dire che rispetto alle altre occasioni in cui l’ho vista è migliorata parecchio sul campo musicale (soprattutto con l’acquisto del nuovo membro che ha giovato molto la band per l’atmosfera), facendo il si che quello degli Ecnephias sia stato uno show davvero godibile!

Scende dal palco la band lucana e l’attesa finalmente è finita, finalmente tutti i presenti si apprestano ad andare ad assistere gli headliner di questa serata, si tratta di una band storica per il black italiano o meglio sto parlando della band black metal italiana per eccellenza: gli Opera IX.
Già dalla bella intro con cui i componenti della band salgono sul palco (che altro non è che l’intro del loro ultimo album “Anphisbena”) fanno capire ai presenti che quello della band si prospetterà come uno show distruttivo ed è stato proprio così: decisamente massiccia la prestazione di quest’ultimi, peccato solo che purtroppo essendosi fatto troppo tardi (erano esattamente l’1.40 quando hanno iniziato a suonare!) hanno suonato soltanto un’ora circa.
Bella la scaletta dei brani presentati dalla Band in cui hanno “portato” brani estratti da un po’ tutta la loro discografia (non rinnegando così i tempi in cui c’era Cadaveria alla voce) anche se preferendo quelli tratti da “Anphisbena”, sul fronte live questa band riesce perfettamente a confermare di essere più che valida e consiglio agli amanti del genere di andarla a vedere perché merita davvero molto!

Scaletta dei brani presentati dagli Opera IX:

  1. The Serpent's Nemeton
  2. The Propecy
  3. Maleventum
  4. The Sixth Seal
  5. Immortal Chant
  6. Battle Cry
  7. Sepulcro

Complessivamente nella serata dello scorso 26 Febbraio si è tenuto un buon concerto, peccato però per il pubblico che ne era veramente poco a causa un po’ del bill troppo estremo, un po’ per la serata alquanto fredda e un po’ per il luogo un po’ sperso dove si è tenuto!
Per concludere vorrei ringraziare tutti coloro della “W.U.M. Events” per la gentilezza che hanno avuto verso i miei confronti!

 

Pax (Antonluigi Pecchia)

<<< indietro


   
Destruction
"Thrash Anthems II"
Niamh
"Corax"
Death2Pigs
"eMpTyV"
The German Panzer
"Fatal Command"
Appice
"Sinister"
AA.VV.
"Live At Wacken 2015: 26 Years Louder Than Hell"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild