Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - - Ă - '






White Skull - 01/11/2007 - Bari NordWind

E’ un Nordwind rinnovato quello che accoglie il ritorno in Puglia dei White Skull, finalmente è stato risolto il problema annoso del posizionamento del palco, oggi la visuale dello spettacolo è più che soddisfacente.
Il compito di aprire la serata tocca ai baresi Viper Venom, che da poco hanno pubblicato il loro primo album “Reborn from Lies”. Il loro è un metal dalle svariate sfaccettature e di difficile inquadramento. Il quartetto dimostra di trovarsi a proprio agio sul palco e la frontwoman, Miriam, si dimostra un’ottima intrattenitrice oltre che una discreta cantante. I brani proposti sono stati nove, di cui tre cover: “Them Bones” (Alice In Chains), “Message In The Bottle” (dei Police nella versione dei Machine Head) e “Find The Real” (Alter Bridge). “Drug Ritual”, “Angry Grace”, “For A Friend”, “Hypocrisy Club”, “God Of Small Things” e “Rise Me” sono stati i brani, di propria produzione, proposti. Gran bella prestazione la loro.

Quando salgono i WS sul palco tutti gli occhi vanno sulla nuova arrivata Elisa “Over”. Sgombriamo subito ogni dubbio dicendo che l’esame è pienamente superato. La sua prova è stata eccellente sia dal punto di vista canoro (nonostante qualche intoppo tecnico a livello di suoni) che da quello della presenza scenica. L’esibizione del Teschio Bianco inizia con il classico “Tales From The North” e già si intuisce il grande affiatamento della band e l’entusiasmo con cui il gruppo vive il concerto. “The Roman Empire” anticipa il primi estratti dall’ultimo lavoro del gruppo, l’ottimo The Ring Of The Ancient,  “Guardians” e “Headhunter”. Il pubblico pian piano si scalda e il gruppo regala un trittico di canzoni tambureggianti: “Anubis The Jackal”, “Kriemhild Story” e “High Reason”. Le atmosfere tornano più rilassate con “The Terribile Slaughter” che precede l’apice del concerto: l’esecuzione di “Marching To Alesia” che vede tutto il pubblico intonare a gran voce il ritornello. “The Killing Queen”, “Cleopathra” e “The Dark Age” precedono il brano di chiusura “After The Battle… The Bottle”.

Il pubblico reclama il gruppo sul palco per il bis e i WS non si fanno pregare più di tanto e regalano altri due pezzi “Embittered” e il classico dei classici “Asgard”. I WS si sono confermati una delle più belle realtà del panorama italiano, un gruppo che ha sempre lavorato in silenzio e che non è mai salito sul quel carrozzone da circo che è il movimento power italiano cercando di imitare i Raphosody. Tony Mad e compagni hanno cercato sempre di mantenere una propria coerenza stilistica, mossa questa che non avrà portato a grandissimi risultati commerciali, ma che ha garantito una produzione discografica di alto livello qualitativo.



g.f.cassatella

<<< indietro


   
Thunder Godzilla
"Thunder Godzilla"
Circus Nebula
"Circus Nebula"
Buffalo Grillz
"Martin Burger King"
Monnalisa
"In Principio"
Overkhaos
"Beware Of Truth"
Antonio Giorgio
"Golden Metal - The Quest For The Inner Glory"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild