Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '






White Skull - 01/11/2007 - Bari NordWind

E’ un Nordwind rinnovato quello che accoglie il ritorno in Puglia dei White Skull, finalmente è stato risolto il problema annoso del posizionamento del palco, oggi la visuale dello spettacolo è più che soddisfacente.
Il compito di aprire la serata tocca ai baresi Viper Venom, che da poco hanno pubblicato il loro primo album “Reborn from Lies”. Il loro è un metal dalle svariate sfaccettature e di difficile inquadramento. Il quartetto dimostra di trovarsi a proprio agio sul palco e la frontwoman, Miriam, si dimostra un’ottima intrattenitrice oltre che una discreta cantante. I brani proposti sono stati nove, di cui tre cover: “Them Bones” (Alice In Chains), “Message In The Bottle” (dei Police nella versione dei Machine Head) e “Find The Real” (Alter Bridge). “Drug Ritual”, “Angry Grace”, “For A Friend”, “Hypocrisy Club”, “God Of Small Things” e “Rise Me” sono stati i brani, di propria produzione, proposti. Gran bella prestazione la loro.

Quando salgono i WS sul palco tutti gli occhi vanno sulla nuova arrivata Elisa “Over”. Sgombriamo subito ogni dubbio dicendo che l’esame è pienamente superato. La sua prova è stata eccellente sia dal punto di vista canoro (nonostante qualche intoppo tecnico a livello di suoni) che da quello della presenza scenica. L’esibizione del Teschio Bianco inizia con il classico “Tales From The North” e già si intuisce il grande affiatamento della band e l’entusiasmo con cui il gruppo vive il concerto. “The Roman Empire” anticipa il primi estratti dall’ultimo lavoro del gruppo, l’ottimo The Ring Of The Ancient,  “Guardians” e “Headhunter”. Il pubblico pian piano si scalda e il gruppo regala un trittico di canzoni tambureggianti: “Anubis The Jackal”, “Kriemhild Story” e “High Reason”. Le atmosfere tornano più rilassate con “The Terribile Slaughter” che precede l’apice del concerto: l’esecuzione di “Marching To Alesia” che vede tutto il pubblico intonare a gran voce il ritornello. “The Killing Queen”, “Cleopathra” e “The Dark Age” precedono il brano di chiusura “After The Battle… The Bottle”.

Il pubblico reclama il gruppo sul palco per il bis e i WS non si fanno pregare più di tanto e regalano altri due pezzi “Embittered” e il classico dei classici “Asgard”. I WS si sono confermati una delle più belle realtà del panorama italiano, un gruppo che ha sempre lavorato in silenzio e che non è mai salito sul quel carrozzone da circo che è il movimento power italiano cercando di imitare i Raphosody. Tony Mad e compagni hanno cercato sempre di mantenere una propria coerenza stilistica, mossa questa che non avrà portato a grandissimi risultati commerciali, ma che ha garantito una produzione discografica di alto livello qualitativo.



g.f.cassatella

<<< indietro


   
Amorphis
"Queen of Time"
Daylight Silence
"Threshold of Time"
Rocka Rollas
"Celtic Kings"
Desert Wizards
"Beyond the Gates of the Cosmic Kingdom"
Urban Steam
"Under Concrete"
Il Cerchio D’Oro
"Il Fuoco Sotto La Cenere"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2018
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info


admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Privacy | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild