Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - - - '

rAW & wILD rOCKFETS 2019




:: INTERVISTA AGLI HYADES

Allora, ho saputo che finalmente a Settembre andrete a registrare il nuovo album a Roma!!Dammi qualche anticipazione...

Innanzitutto grazie mille per lo spazio concessoci con questa intervista ed un complimento alla 'zine per gli ottimi contenuti! Confermo che a settembre incominceremo le registrazioni del full-length; non si svolgeranno a Roma come inizialmente previsto, ma qui ad Arconate ai Porky's Studio dei ragazzi degli Hatework, nostri ottimi amici. Si tratter� di dieci pezzi completamente inediti, pi� una cover dei Beastie Boys che riserver� qualche sopresa hehehe! Francamente non saprei dire per quando finiremo, perch� causa lavoro o studio non possiamo permetterci di registrare giorno e notte; tra l'altro per le parti di chitarra dovremo attendere il ritorno di Mark da Los Angeles (il che ci fa sembrare un gruppo serio hahah), quindi presumo che i tempi si dilateranno. Ad ogni modo credo che per novembre, quando incominceremo il mini-tour con gli Helstar, avremo terminato i lavori!

Chi vi ha gi� visto dal vivo ha gi� avuto un assaggio dei nuovi pezzi ed avr� notato il vostro grande cambiamento!!! Da quel che ho sentito si tratta di un gran thrash metal stile bay area...azzarderei anche sopratutto per "picture of the world")a qualche ripresa di techno-thrash...
S�, rispetto agli esordi siamo cambiati parecchio, appesantendo e personalizzando notevolmente il nostro sound; devo dire che � stato comunque un processo graduale, non c'� stata nessuna rottura netta con il passato. Gi� nel nostro quarto demo omonimo era ben presente l'approccio thrash, soprattutto in ritmiche di canzoni quali "Epitaph" o nello speed di "Back to the Future"; con l'ingresso in formazione di un batterista quale Mauro abbiamo finalmente potuto utilizzare soluzioni ritmiche che prima venivano accantonate, e questo ci ha permesso di dare un ulteriore sterzata al nostro sound. Sono d'accordo con quanto dici a proposito del genere; si tratta ormai di un moshing thrash tipicamente americano, nel quale non mancano comunque le influenze del power US di Metal Church o Helstar, specialmente a livello ritmico. La canzone che dici tu, "Pictures of a World", � un episodio a s� stante e un po' isolato all'interno del disco; � nata fondamentalmente come tributo a due delle band che amo maggiormente, e che sono i gi� citati Helstar e i danesi Artillery, sconosciuti ai pi�, ma assai pi� meritevoli della stragrande maggioranza delle thrash band europee. L'apertura di "Pictures" � proprio un richiamo voluto a "Khomaniac" da "By Inheritance" degli Artillery hehehe!

A livello di testi fra voi chi � il compositore e di cosa tratteranno le nuove canzoni??? un concept in particolare o temi a s� stanti per ciascuna??
Nove dei dieci brani del disco sono stati scritti da me, sia nelle musiche che nei testi; sto giusto ultimando in questi giorni il decimo brano assieme a Mark. Non vi � un concept unico dietro alle liriche trattate, ma se vogliamo trovare un filo conduttore, possiamo dire che in tutti i testi ritorna una concezione critica che ho della societ� e del mondo in cui viviamo, con un'occhio sempre aperto verso l'attualit�. In "Smart Bombs, Dumb War" e "Liars" diciamo la nostra sulla vergognosa guerra irachena voluta dall'amministrazione Bush, mentre per quanto riguarda "Blameless in the Deathrow" mi sono ispirato alla denuncia dell'ex-governatore Ryan che ha commutato in ergastolo alcune condanne a morte, puntando il dito sul meccanismo che porta i tribunali a infliggere condanne a morte in Illinois. "Pictures of a World", come dice il titolo, cerca di essere un quadro del mondo in cui viviamo, con i suoi difetti, le sue contraddizioni e le sue ingiustizie. "11 September" ha invece un significato particolare; si dice di "non dimenticare" quanto successo nel 2001, ma nessuno ricorda quanto accaduto ventotto anni prima quello stesso giorno; era il 1973 e Pinochet, con l'appoggio degli Stati Uniti, prendeva il potere in Cile con un colpo di stato in cui perse la vita Salvator Allende, democraticamente eletto dalla propria gente a Presidente. Gli altri brani sono "T.v. (televoltures)", una condanna sarcastica del catastrofismo perenne sbandierato dai media, e soprattutto dai patetici telegiornali del nostro paese, "Hyades", che racconta in modo scherzoso la storia di questa sfigatissima band hahaha, e "No Man's Land", alla quale stiamo lavorando in questi giorni, che � ispirata dal film omonimo francese.

Il bassista che ha suonato con voi al Tradate Iron Fest era provvisorio. Siete ancora in cerca di un nuovo componente fisso o avete gi� trovato qualcuno???
Ehehe bella domanda! Per quanto riguarda il bassista siamo ancora in alto mare; per questa data ci ha dato una mano Andrea Galli, giovane diciottenne che ha suonato comunque molto bene e che vogliamo pubblicamente ringraziare. Inizialmente � stato reclutato solo per questa data, adesso vedremo un po' che fare; onestamente non ne abbiamo ancora parlato tra di noi e quindi non saprei dirti nulla. In questi mesi ne abbiamo provati altri, ma nessuno che trovassimo veramente soddisfacente. Abbiamo comunque qualche sorpresa in serbo nel caso, probabile, in cui arrivassimo a settembre in studio senza un bassista definitivo heheh!

Il video registrato in quella data sar� disponibile sul vostro sito a breve???
S�, per questa data abbiamo registrato un video per i fatti nostri, con due videocamere su palco e frontale, mentre per la registrazione audio dobbiamo ringraziare Elvys dei Subliminal Crusher che ha fatto un grandissimo lavoro! Appena avremo un po' di tempo monteremo assieme queste diverse sorgenti per realizzare un filmato decente (ovviamente il nostro budget � zero, quindi faremo quel che si pu�!) e poi metteremo online il tutto sul sito, da scaricare gratuitamente. Se non erro, comunque, anche l'organizzazione del TIF ha effettuato delle riprese, per realizzare un video di tutta la kermesse...

Delle nuove uscite quale avete preferito ???? E cosa pensate di questo ritorno, anche delle band storiche, a sonorit� che oramai da tempo (eccetto per gli appassionati) erano state soppiantate dalle nuove tendenze ( death, black , power ...).
Mah, onestamente non vedo grandi differenze tra quanto propone il mercato oggi e quanto tira da dieci anni a questa parte. A dominare la scena sono sempre i soliti gruppi e le solite etichette, che hanno in mano il mercato e che propongono quello che vogliono loro; sono ormai all'ordine del giorno le reunion, ma assai raramente si trasformano in qualcosa che vada oltre agli sporadici concerti live. Non vedo nemmeno questo ritorno improvviso dei gruppi thrash: gli Exodus si erano gi� riformati nel 1997, ma anche gli Artillery sono ritornati attivi nel 1998, cos� come Holy Moses o altri ancora... Piuttosto � scoppiato un'interesse del pubblico che pareva aver dimenticato certe sonorit�; se agli Exodus nel 97 eravamo venti persone a venderli, quest'anno ce n'erano 300. Di questi tempi c'� la moda del thrash tedesco per esempio, esattamente come qualche anno fa c'era quella del metal pi� estremo; si tratta di normali cicli che coinvolgono la gente che ascolta metal esattamente come quella che ascolta musica pop, niente di pi�. Ormai il metal non � pi� un genere di nicchia con canali propri, ma un business esattamente identico a quello della musica leggera, solo con un giro di quattrini pi� ristretto; e questo vuol dire che ci sono anche le raccomandazioni, la mafia, i gruppi che pagano per suonare al Gods of Metal, i gruppi di amici che ottengono contratti, etc... Onestamente ammiro Pino Scotto dei Firetrails che ha ancora la forza di condannare queste cose; io sono molto pi� giovane ma non mi riesco nemmeno pi� a rimanere schifato per come girano le cose nel mondo del metal. Ad ogni modo, quello che faremo sempre sar� continuare a suonare quello che vogliamo, che sia per i nostri 10/15 amici o per 1000 persone poco importa.

I gruppi che vi hanno maggiormante influenzato nella stesura dei nuovi pezzi.
Beh, sono tanti, dato che prima di essere un musicista (o presunto tale heheh) sono un metalhead di vecchia data. Personalmente ho un debole per il thrash degli Exodus di "Fabulous Disaster" e "Impact is Imminent" e per gli Anthrax di "Among the Living", ma le influenze arrivano anche dal power americano di Intruder, Metal Church e dallo speed dei maestri Exciter e Agent Steel. Accanto a queste innegabili influenze c'� comunque molto di nostro, dato che cerchiamo di portare in musica quello che siamo veramente... e cio� dei cazzoni hahaha! Una cosa che personalmente non sopporto sono tutti quei gruppi che fanno le foto con le facce truci, perch� loro sono dei fighi incazzati; ma vadano a cagare, sono solo patetici hahaha! Noi siamo dei ragazzi come tanti, che fanno musica per divertirsi e che cercano comunque di veicolare un messaggio positivo, seppur fortemente critico; vogliamo che dalla nostra musica emerga questo.

Infine, come ci si sente ad avere in programma di suonare con gruppi del calibro degli Hellstar e Manilla Road????
La data con i Manilla Road gi� l'abbiamo fatta, ed � andata alla grande heheh! Pensa che Mark Shelton (un mito per me!) ha persino voluto il nostro cd autografato hahaha! E' stata sicuramente una delle pi� grandi soddisfazioni della nostra carriera! Per quanto riguarda gli Helstar faremo tre date assieme in Italia e gi� a pensarci non sto gi� nella pella; la band di James Rivera � sempre stata una delle mie preferite di sempre, soprattutto nei due "Distant Thunder" e "Nosferatu", e quindi � un onore incredibile aprire per loro. Mi spiace solo che, rispetto alla formazione di qualche anno fa, non ci sia Jerry Abar�a al basso, ma pazienza!

Glen

<<< indietro


   
Virtual Time
"Animal Regression"
Coil Commemorate Enslave
"The Unavoidable"
Ibridoma
"City Of Ruins"
Enio Nicolini and the Otron
"Cyberstorm"
Polynove Pole
"On the Edge of the Abyss"
Athlantis
"The Way to RocknRoll"
Scala Mercalli
"Independence"
The Dollys Legend
"Wolves Songs"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   


Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2018
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info


admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Privacy | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild