Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





:: Intervista agli EMPATHICA
Risponde Filippo Tezza (voce, basso)

Benvenuti sulle pagine di Raw & Wild, Empathica! Parliamo del vostro disco d'esordio, "The Fire Symphony": dove lo avete registrato e quanto ci è voluto in tutto tra fase di songwriting e registrazione?
Ciao a tutti i lettori e, innanzitutto, grazie per questo spazio! "The Fire Symphony" rappresenta un classico caso di album che ha avuto una gestazione davvero lunga. Ancora prima che io entrassi nella band (ovvero nei primi mesi del 2015), gli altri ragazzi avevano già l'idea di diversi brani che sono finiti nell'album. All'epoca era tutto molto diverso rispetto ad ora: a partire dal genere musicale, che era un black/death sinfonico con voce in growl, cosa che ha caratterizzato il primo EP della band del 2013. Dal 2015 e con l'allontanamento del vecchio cantante, la band ha intrapreso una serie di cambiamenti ed evoluzioni che hanno portato a cambiare il genere nell'attuale symphonic metal. Si è optato per la scelta di inglobare una voce femminile dall'impostazione spesso lirica, con la quale interagisco molto nei vari brani con la mia voce, senza rinunciare a qualche intervento in growl. I brani già esistenti quindi sono stati rimaneggiati ed adattati al nuovo corso, io stesso ho contribuito all'arrangiamento generale e ad aggiungere qua e là qualche parte in più, dove poteva servire. Gli arrangiamenti sono stati affinati più volte ed in modo estremamente puntiglioso nei diversi anni a seguire, con numerose sessioni di pre-produzione. Ho aggiunto poi un brano conclusivo al tutto, ovvero la suite "The Fire Symphony". L'album è poi stato registrato per conto nostro, ad eccezione della batteria in uno studio, e tutte le tracce sono state affidate a Francesco Zacchi per il mixaggio, e a Mika Jussila (dei Finnvox Studios, Finlandia) per il mastering. Il solo mixaggio ha portato via poi quasi un altro anno. "The Fire Symphony" è in sostanza il frutto di almeno cinque anni di lavoro, numerosissimi cambiamenti e perfezionamenti.

Molti parlano di voi come di una power-symphonic metal band. Siete d'accordo con questo termine oppure no?
Per quanto io sia il primo ad essere cresciuto a pane e power metal, nel caso degli Empathica direi che la definizione più corretta del nostro sound sia semplicemente symphonic metal... a me piace aggiungere anche l'aggettivo "dark", più che altro per sottolineare una certa cupezza e malinconia che accompagna tutte le canzoni. Nel passare dal Symphonic Death/Black al Symphonic "classico" siamo comunque stati sempre d'accordo nel voler mantenere un certo approccio oscuro nelle atmosfere e nelle composizioni, portando con noi quindi quella vena death dei primi anni. Lo si può riscontrare nel modo di suonare di Francesco (chitarra), ispirato al metal nordico (Children of Bodom, Insomnium, Wintersun, Arch Enemy... per fare alcuni esempi), o da alcune venature death presenti qua e là nelle canzoni. In generale, ad ogni modo, il power è piuttosto assente in queste composizioni. In effetti nel brano "Religio" l'arrangiamento del ritornello può essere assimilato a questo sottogenere... non è un caso che ci abbia messo lo zampino io, infatti.. eh eh. Personalmente ascolto e suono power metal da moltissimi anni, come testimonia anche la mia attività di songwriter e cantante nei Chronosfear. Tuttavia negli Empathica, in generale, l'approccio comune è decisamente diverso dal classico Power/Symphonic.

Cosa pensate del fatto che nel vostro genere ci sia una grande presenza di cantanti donne? E come pensate quindi di distinguervi rispetto agli altri?
Penso che il metal sinfonico sia un genere musicale che si presta particolarmente alla presenza di una voce femminile. Non è certo una regola, come dimostrano band come i Serenity o i Kamelot, ma è innegabile che la maggior parte della scena Symphonic Metal (inteso come Symphonic puro, senza ulteriori suffissi) sia dominata dalle voci femminili. Nel nostro caso, riteniamo che la nostra distinzione e peculiarità derivi più che altro dall'utilizzo delle tre voci, ovvero lirica, clean maschile e growl (seppur quest'ultimo più raramente). La mia voce e quella di Alessia si sposano fortunatamente molto bene, pur essendo due vocalità differenti. Io tendo maggiormente all'utilizzo del belting su tonalità medio-alte, retaggio delle mie esperienze nel Power Metal, quindi un canto moderno, mentre Alessia utilizza spesso un canto lirico. Fino ad ora mi sono occupato anche del growl, tuttavia è molto probabile che d'ora in avanti se ne occuperà Francesco (chitarrista). Un altro aspetto che ci personalizza è legato a quanto dicevo prima, ovvero ad una certa cupezza di fondo delle composizioni, talvolta venate da un approccio più vicino al Death Metal. Ovviamente non abbiamo alcuna presunzione di voler inventare qualcosa di nuovo o innovativo, cerchiamo tuttavia di trovare anche in questi aspetti la nostra personalità ed il nostro stile.

Di cosa parlano i testi di "The Fire Symphony" e chi li ha scritti?
Le liriche dell'album sono frutto della penna del batterista Francesco Falsiroli. Fa poi eccezione il testo di “What We Have to Die For” che ho scritto io. L'album è una sorta di concept, idealmente ambientato durante l'epoca dell'Inquisizione, intorno al 1600... un periodo non ben specificato comunque. Alcuni musicisti, pur di continuare a suonare la loro musica, sfidano l’inquisizione suonando le loro composizioni, considerate “eretiche” dagli inquisitori. Questi, sfruttando la presenza di tutti i musicisti all’interno del loro teatro, danno fuoco all'intera struttura e a tutti loro. Mentre le fiamme divorano il teatro, le note della loro 'sinfonia di fuoco' continuano a suonare ed arrivano ai giorni nostri, tramandate nei secoli successivi. Questa è una estrema sintesi dell'evento da cui prende vita il concept, che si sviluppa poi anche attraverso concetti di tipo filosofico. Ne è un esempio rappresentativo "Fallen Master Pleasure", il cui testo è ispirato al famoso testo di aforismi di Nietzsche "La Gaia Scienza". La chiave di lettura delle liriche è basata sostanzialmente sul potere delle idee, o più in generale dell’arte, che dominano su qualsiasi manifestazione di imposizione. Sottolineo inoltre che questo concept non è esattamente costruito su una storia che si sviluppa brano dopo brano, ma è più da intendere come una sorta di “manifesto” del libero pensiero, contro ogni dogma e contro qualsiasi forma di repressione.

Come nasce di solito una vostra canzone? Siete una band all'antica e quindi provate sempre tutti assieme in sala prove, oppure vi scambiate i file a distanza?
No, decisamente non siamo una band all'antica. Il nostro modo di creare musica è basato su scambio di files, bozze, idee, ed un continuo raffinamento attraverso questa modalità. Non abbiamo molto tempo per trovarci, purtroppo gli impegni quotidiani e le varie attività lavorative e non di ciascuno di noi ci impediscono di poterci trovare in modo regolare. Così il poco tempo che abbiamo a disposizione lo dobbiamo usare per provare le canzoni quando sono praticamente già composte, ed arrangiate almeno per un buon 80%. Le idee per la maggior parte provengono da Giacomo (tastierista) e Francesco (chitarrista), che definiscono lo scheletro e l'intenzione di un brano, i riff, i primi arrangiamenti, l'atmosfera. Io ci metto un po' le mani per raffinare l'arrangiamento, arricchire le melodie e l'armonia, o talvolta, laddove necessario, per aggiungere qualche sezione. Per quel che riguarda il mio contributo poi, come è successo per la title-track "The Fire Symphony", può succedere che mi occupi anch'io di scrivere ed arrangiare una intera canzone, che generalmente consegno già pronta e finita. Scrivo canzoni da diversi anni e mi sono abituato a presentare una canzone quando è già completa al 100%. Poi resto comunque aperto ad eventuali idee, sistemazioni o quant'altro. Questo è il nostro modo di realizzare musica, io Francesco e Giacomo ci troviamo in buona sintonia nella composizione e nella sistemazione dei dettagli... sicuramente sono operazioni che richiedono molto tempo, ma riusciamo a lavorare bene e riteniamo che la forza di "The Fire Symphony" ne sia una diretta testimonianza.

Domanda immancabile... Cosa pensate della scena metal italiana oggi? Analizzate secondo la vostra ottica pregi e difetti rispetto al passato.
Il mio pensiero generale a riguardo è che la scena metal italiana è pregna di talenti eccezionali. In qualsiasi sottogenere del metal, si possono trovare bands e musicisti che sanno il fatto loro e che avrebbero davvero qualcosa da dire anche al di fuori dei nostri confini. Davvero non abbiamo nulla da invidiare alla scena estera, tant'è che moltissimi acts nostrani hanno avuto il giusto riconoscimento anche all'estero, dove fortunatamente c'è sempre un certo interesse per il metal italiano. Per sottolineare i pregi rispetto al passato, penso che la cosa più positiva rispetto a qualche anno fa sia il fatto che internet e la tecnologia hanno permesso a tante band di esprimersi: oggi è decisamente più semplice registrare un EP, o un disco, anche in casa propria, e la propria musica è resa disponibile subito. Tuttavia, nonostante internet ed i social, più si va avanti e più sembra sia realmente difficile emergere rispetto al passato. A mio modo di vedere, nell'underground è piuttosto calato l'interesse per le band nuove negli ultimi 10-15 anni. La gente ha meno interesse a supportare e ad ascoltare le band nuove, che in generale faticano molto ad avere visibilità, così come gli spazi e le occasioni per esibirsi sono sempre meno. Questo, riassumendo, rappresenta un po’ la realtà della nostra odierna scena underground Rock/Metal, nei suoi pregi e difetti. Nel nostro caso siamo molto consapevoli che la strada sarà molto impervia e sempre in salita... ma la passione ed il divertimento per quello che facciamo non manca: sono quelli gli ingredienti essenziali per tutte le nuove leve del metal.

Se doveste citare tre band che su tutte vi hanno influenzato, quali citereste?
Direi che è una domanda interessante, e difficile... poiché tutti noi abbiamo influenze piuttosto diverse! Pensando alla musica degli Empathica, direi che sicuramente tra le influenze principali ci sono gli Epica e i Nightwish, poi ora come ora non saprei citarti una terza band di riferimento, ma diverse influenze arrivano anche da acts europei quali Children of Bodom, Insomnium, Wintersun, Sirenia, Dark Tranquillity, Dimmu Borgir ecc... Ad ogni modo tutti noi ascoltiamo molta musica, e anche di generi molto differenti. Utilizziamo un po' tutte queste influenze per canalizzarle e creare qualcosa che sia il più possibile personale. Non ricerchiamo l'originalità a tutti i costi, anzi, ritengo sia più importante essere personali che originali, al giorno d'oggi.

Avete una buona attività live? Ce ne volete parlare?
Negli ultimi anni a dire la verità, abbiamo messo un po' in pausa l'attività live. Le occasioni erano poche e abbiamo a quel punto deciso di metterci a lavoro per completare l'album una volta per tutte. Da ottobre dell'anno appena concluso gli Empathica hanno firmato per Orion Agency, come accennavo prima, con la quale abbiamo annunciato alcune date per il 2020. Non vediamo l'ora di tornare su un palco!

Domanda per finire. Secondo voi è ancora possibile sfondare veramente nel mondo del metal oggigiorno? E quali potrebbero essere le armi vincenti di una band per poterci almeno provare?
Penso che “sfondare” nel Metal, in Italia, sia difficile. In generale, già in partenza penso non ci sia molto interesse per le band nuove, come ho accennato anche prima. Per riuscire a fare qualcosa di serio è necessario lavorare sodo, essere concentrati, oltre ad avere una buona dose di fortuna e se possibile anche possibilità di investimento economico. Per quel che riguarda me, io suono e faccio musica prima di tutto per passione, per me, perché mi piace e mi fa stare bene suonare/cantare con altre persone: questo deve essere il primissimo aspetto che non può mancare per far funzionare una band/progetto. Ovviamente bisogna poi cercare di proporre buona musica. Un altro ingrediente, sempre più importante, è la cura dell'immagine della band, l'attenzione ai canali social, la promozione. Tutti questi ed altri numerosi aspetti, se curati bene ed insistentemente possono sicuramente aiutare, passo dopo passo, a far uscire una nuova band allo scoperto. Ma penso che per avere una qualche possibilità di emergere ci voglia davvero tanta tanta e ancora tanta determinazione e sacrificio… e come ho già detto, un pizzico di fortuna non guasta.

Un saluto. Chiudete come volete!
Ringrazio a nome degli Empathica tutta la redazione di Raw & Wild, e chiedo scusa ai lettori se mi sono dilungato in alcune risposte. Venite ad ascoltarci dal vivo, andate su Spotify, Amazon Music ecc., ascoltate il nostro disco "The Fire Symphony" e (se vi piace) sosteneteci acquistandolo sui digital market! Non abbiamo ancora copie fisiche ma contiamo un giorno di averle nelle nostre mani. Grazie ancora e un saluto a tutti i metalheads!

Joker

<<< indietro


   
Paradise Lost
" Obsidian "
Moscow Death Brigade
" Bad Accent Anthems "
Necrofili
" Immaculate Preconception "
D-Tox
" Splinter of Insane Lucidity "
Pile of Priests
" Pile of Priests "
Dead Venus
" Bird of Paradise "
God The Barbarian Horde
" Forefathers: A Spiritual Heritage "
Triskelis
" Orior "

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   


Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2020
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info


admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Privacy | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild